0

Carbonara: i trucchi per renderla cremosa

0
0


La carbonara: uno dei piatti tipici della tradizione culinaria romana, buonissima e sempre apprezzata da grandi e piccini.

Prepararla bene, però, non è così semplice come si potrebbe pensare: prima di tutto, occorre avere gli ingredienti giusti. Pecorino, uova e guanciale devono essere freschissimi.

Poi, per poter ottenere una carbonara cremosa il guanciale deve essere rosolato in una padella senza aggiungere altri grassi (olio e burro) e le uova devono essere mantenute a temperatura ambiente.

Le uova devono essere battute bene con la forchetta e insaporite con il pecorino romano.

Per ogni uovo (o tuorlo) è necessario aggiungere un cucchiaio e mezzo circa di pecorino romano e mescolare. Alla fine, la crema d’uovo non dovrà risultare troppo densa altrimenti la carbonara verrà asciutta.

 

 

Ingredienti (per 4 persone)

Spaghetti: 350 gr.

Guanciale: 100 gr.

Pecorino Romano: 75 gr.

Tuorli d’uovo: 4 più un uovo intero

Pepe q.b

 

 

Procedimento

Cuocere gli spaghetti e, quando mancano circa due minuti, trasferire la pasta nella padella con il guanciale. Mescolare e ultimare la cottura aggiungendo acqua di cottura della pasta.

Quando la pasta sarà cotta, togliere la padella dal fuoco (è fondamentale affinché le uova non si rapprendano!)

Lasciare intiepidire la pasta 30 secondi e poi versare la crema d’uovo e pecorino sugli spaghetti.

Mescolare velocemente con il cucchiaio di legno fino a quando non sarà diventata cremosa.

Servire subito la carbonara…cremosa cremosa, come sarà diventata!

Ornella d'Anna Giornalista con un’insana passione per carta e penna, racchiude in sé tutte le contraddizioni delle donne: precisina e decisamente impulsiva, sa essere anche dolce (sforzandosi); a volte le piacerebbe tornare ai 15 anni, poi si guarda attorno e si scopre molto innamorata di ciò che ha: un marito stupendo, una figlia da strapazzare di baci e una famiglia fortissima. Adora le sue due gatte, i tramonti greci e la pasta poco cotta… ma odia le “minestre riscaldate”.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *