0

Latina: carabiniere spara alla moglie e prende in ostaggio le figlie

0
0


Si è chiuso in casa, ha sparato alla moglie e preso in ostaggio le figlie. la donna è ricoverata all’Ospedale San Camillo di Roma. Le sue condizioni sono disperate.

 

Gelosia per la fine della storia: questo forse il movente

 

Il fatto è accaduto poco fa a Cisterna di Latina, dove un carabiniere di 43 anni, originario di Napoli e in servizio a Velletri, nella zona dei Castelli Romani, al termine del turno di lavoro è andato nella frazione Collina dei Pini, a casa della donna, dalla quale si stava separando e madre delle sue figlie.

Durante una lite in strada l’uomo le ha sparato con la pistola d’ordinanza. Lei, un’operaia di 39 anni che lavora nello stabilimento Findus di Cisterna, è stata colpita allo zigomo e al petto. Subito dopo il militare è entrato in casa e si è barricato all’interno con le figlie minorenni.

A Cisterna si è subito recato anche il comandante provinciale Gabriele Vitagliano. L’obiettivo ora è mettere al sicuro le due figlie dell’appuntato tenute in ostaggio.

 

 

Ornella d'Anna Giornalista con un’insana passione per carta e penna, racchiude in sé tutte le contraddizioni delle donne: precisina e decisamente impulsiva, sa essere anche dolce (sforzandosi); a volte le piacerebbe tornare ai 15 anni, poi si guarda attorno e si scopre molto innamorata di ciò che ha: un marito stupendo, una figlia da strapazzare di baci e una famiglia fortissima. Adora le sue due gatte, i tramonti greci e la pasta poco cotta… ma odia le “minestre riscaldate”.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *