0

Addio a Sonia Rykiel: inventò lo stile demodé

0
0


Il mondo della moda piange Sonia Rykiel, la donna che inventò lo stile demodé, la signora della maglieria e della moda fatta per adattarsi al corpo delle donne. È morta a 86 anni dopo una lunga lotta contro il Parkinson: “Era una donna libera, una pioniera che ha saputo tracciare la sua vita“, ha commentato il presidente francese Francois Hollande, che nel 2013 l’aveva nominata Grande ufficiale dell’Ordine nazionale di merito. “Ha inventato non solo una moda, ma un atteggiamento, un modo di vivere e di essere, e offerto alle donne una libertà di movimento“. Il riferimento è ovviamente alla sua filosofia della ‘démodé’ con gli abiti che si adattano al corpo femminile e mettono a proprio agio le donne che li indossano. È stata una figlia della primavera del 1968 di cui non solo fu attivista ma ne divenne anche icona. A renderla celebre, nel mondo della moda, i capi di maglieria, abiti morbidi e colorati a fantasie geometriche e i rigati orizzontali che con gli anni diventeranno uno dei suoi marchi di fabbrica. A tutto questo si unisce il sapiente uso del nero e quella costate fusione tra moda e letteratura che ha dato vita ai pullover arricchiti di slogan immortalati nel 1991 in una famosa copertina di Vogue.

Quella frangetta rossa

 

 

Il mondo della moda e Parigi ricorderanno sempre le sue sfilate lontane dai protocolli, con modelle sorridenti, dall’aria spensierata, così come ricorderanno per sempre quella frangetta rosso vivo che ha incorniciato il suo volto e quegli occhi verdi fin dagli anni Sessanta. A causa della malattia, negli ultimi vent’anni, la creatrice aveva fatto qualche passo indietro nella gestione delle griffe che portano il suo nome. La direzione artistica è passata prima alla figlia Nathalie, nel 1995, e poi, due anni fa, alla giovane stilista Julie de Libran, già conosciuta per aver lavorato prima con Ferré, Valentino e Vuitton. Mentre la maggioranza della società, una quota dell’80%, è stata ceduta nel 2012 al gruppo Fung Brands, di Hong Kong.

Anna Peluso Nolana di nascita, romana di adozione. Ingorda di serie TV, discreta lettrice, amante del nuoto. In generale? Ama viaggiare ma i posti che ha conosciuto sono sempre troppo pochi. Sta meglio in acqua che sulla terraferma. Un giorno spera di fare della scrittura il suo lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *