0

Allarme femminicidio, una vittima ogni tre giorni

0
0


Non si arresta il bilancio negativo delle donne vittime di violenza. Soltanto nei primi due giorni di maggio quattro donne hanno perso la vita per mano di un uomo. E’ accaduto a Genova, Roma, Salerno ed anche a Cagliari. Se il bilancio del 2016 si è chiuso con 120 vittime, l’esordio del 2017 fino ad oggi ha registrato oltre 20 donne uccise da un ex compagno.

Femminicidio, bollino nero

Nonostante le campagne mediatiche ed un’educazione rosa più attenta, non diminuiscono le donne che muoiono per colpa di un uomo. La media è di una vittima ogni tre giorni. Nel nostro Paese solo negli ultimi dieci anni, sono state uccise 1.740 donne, di cui 1.251 (il 71,9%) in famiglia.

L’ultima ad essere caduta nella trappola di un carnefice, è una signora di Cagliari. La sessantenne è stata uccisa a Capoterra, accoltellata. Sembra da una prima ricostruzione dei fatti, che la donna sia stata aggredita mentre si trovava in un parcheggio.L’assassino, poi fuggito, era un vicino di casa della vittima. Dopo una lite accesa su problemi di vicinato, l’uomo di 46 anni l’ha fatta fuori estraendo il coltello. Il colpevole è stato fermato tempestivamente dalla Polizia.

Una quinta donna, un’avvocatessa di Modena, è riuscita a sfuggire al suo carnefice, l’ex compagno, insegnante abilitato per corsi di autodifesa dedicati alle donne. La 43enne ha riportato solo una frattura al braccio. A Roma in due giorni è morta invece Michela Di Pompeo, insegnante di 47 anni uccisa dal convivente; a Pagani la vittima è stata una prostituta italiana di 44 anni, ed ancora a Genova, un’anziana di 81 anni è stata colpita con una spranga di ferro.

L’Italia delle donne chiede pene più severe per la tutela e difesa della propria vita. Se l’informazione neppure educa l’uomo a gestire un rapporto con le donne, lo Stato deve intervenire con restrizioni effettive e cautelative per il genere femminile.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *