0

Allergie e malattie? Tutta colpa dell’eccessiva igiene

0
0


Allergie, malattie autoimmuni e altri problemi legati alle infiammazioni sono in crescita, ed il problema potrebbe essere l’eccessiva igiene.
Sì, perché sembra che la nostra società, che giustamente promuove una pulizia corretta degli ambienti e della propria persona, sia giunta ad un punto di non ritorno, caratterizzato dal continuo utilizzo di prodotti che, però, a volte potrebbero essere più dannosi dei germi stessi che continuano imperterriti a sopravvivere.
Un recente studio dell’Università di Washington ha dimostrato come le società del passato vedessero la presenza di molti più microbi e germi anche sulla stessa pelle delle persone, senza che questo fosse causa necessariamente di malattie.
Sembra, quindi, che l’eccessiva igiene, l’utilizzo di saponi antibatterici anche nei casi in cui questi non siano necessari, e di disinfettanti, abbia portato soprattutto i bambini ad avere un sistema immunitario meno efficiente, e quindi con minori capacità di affrontare le minacce patologiche provenienti dall’esterno. Sono, infatti, sempre di più i piccoli afflitti da allergie di diverso tipo, difficoltà a superare le normali malattie e dalla vulnerabilità a batteri che, per molto tempo, erano stati indicati come quasi debellati.

 

La soluzione? Biodiversità

 

E, allora, quale potrebbe essere la soluzione? Secondo gli esperti essa potrebbe risiedere nella biodiversità, cioè nella necessità di “lasciar vivere” alcuni organismi necessari sia sulla nostra pelle, sia all’interno degli ambienti, in modo da consentire al nostro sistema immunitario di riconoscere solo le vere e proprie minacce.
Inoltre, anche la dieta corretta, fatta soprattutto da cibi vegetali, molte fibre e batteri buoni (come quelli dei probiotici), metterebbe l’essere umano di nuovo in una posizione dominante rispetto a virus e batteri esterni. Un doppio attacco, quindi, proveniente dall’esterno e dall’interno sarebbe l’arma maggiormente efficace per riportare i nostri organismi ad una situazione di ridotta vulnerabilità.

Stefania D'Ammicco Giornalista, scrittrice ed insegnante di yoga. Ama gli animali, canta in una rock band e cerca di imparare e scoprire cose nuove ogni giorno, sempre col sorriso sulle labbra.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *