0

Alternanza Scuola Lavoro, giovani alle prese col futuro ad Acerra

0
0


Otto progetti didattico-informativi attivati dall’Istituto Alfonso Maria de Liguori ad Acerra. Il Dirigente Scolastico Carmine De Rosa, al timone di una articolata rete di competenze territoriali, ha messo in piedi un percorso formativo per l’applicazione reale del programma Miur ‘Alternanza Scuola Lavoro’.

Sulle difficoltà del progetto il Preside dichiara: “Ho scelto personalmente di mettermi in cammino per offrire ai nostri alunni un percorso di formazione al lavoro che fosse aderente alle esigenze del territorio e alla ricerca dello stesso delle figure professionali del futuro. Ringrazio tutti i docenti che mi hanno sostenuto in questo percorso; senza di loro non avremmo potuto raggiungere tali obiettivi. Acerra poi è una città che risponde sempre bene ad ogni richiesta culturale”.

 

 

Acerra, la “buona scuola” c’è

 

 

Industria, moda e design, start up aziendali, medicina e ricerca, archeologia ed amministrazione, volontariato sociale, sono i percorsi conoscitivi inseriti nel programma ‘Alternanza Scuola Lavoro’, realizzato in collaborazione con la Diocesi di Napoli, del Dott. Pasquale Forni, di Medicina Futura, Villa dei Fiori, Coelmo, Archeoclub di Acerra, intervenuti in modo costruttivo nella articolazione dell’apprendimento degli alunni del de Liguori.

I ragazzi del Liceo de Liguori hanno raccontato ai compagni di istituto la bellezza del percorso che li ha visti diventare giovani apprendisti delle professioni del futuro: “Per la prima volta abbiamo appreso l’importanza delle nostre radici, che non conoscevamo. Abbiamo scoperto, guidati dall’Archeoclub di Acerra, di essere parte della storia e di avere grandi talenti da poter coltivare nel futuro. Nelle aziende ospedaliere ed industriali frequentate abbiamo appreso l’importanza del saper collaborare in un team specializzato, offrendo competenze che vanno costruite. Tutto ciò che impariamo è un tesoro per il nostro futuro. Se lo sapremo spendere bene, faremo il lavoro dei nostri sogni”.

La pubblica Amministrazione del Comune di Acerra è intervenuta in prima persona nel supportare gli alunni del de Liguori, spiegando loro cosa significhi amministrare burocraticamente un territorio e quanto sia importante l’interazione tra cittadino e istituzioni.

Pasquale Forni ha guidato la formulazione di una Start up che parte dal lancio di prodotti agricoli del territorio acerrano; la vicepresidente della Coelmo e Cavaliere del Lavoro, Stefania Brancaccio, ha insegnato ai ragazzi come costruire le proprie competenze per candidarsi ad una professione in modo qualificato.

Maria Vittoria Ciccarelli, titolare della clinica Villa dei Fiori, ha dichiarato: “Ho scoperto giovani appassionati di medicina. Hanno partecipato con attenzione alle lezioni sulla camera iperbarica, sulla gestione dei reparti della nostra clinica, anche quando gli argomenti risultavano complessi. Il sodalizio con l’Istituto de Liguori continuerà e affiancheremo questi giovani nella costruzione del proprio futuro”.

Non meno importante è stato il percorso gestito in collaborazione con Medicina Futura, durante il quale gli alunni hanno imparato a monitorare l’analisi di test allergologici.

 

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *