0

Ansia e ipocondria: le donne sono i soggetti più colpiti al Mondo

0
0


Ipocondriache o malate croniche? Le donne sono i soggetti più ansiosi del pianeta. A stabilirlo è una ricerca condotta dall’Università di Cambridge secondo la quale la popolazione rosa del Vecchio Continente sarebbe iperansiosa.

 

Ansia, una patologia tutta al femminile

 

Donne in gravidanza ed under 35 maggiormente predisposte ai disturbi ansiosi. Questo è l’identikit dei soggetti con attacchi di panico e patologie affini. Gli studiosi hanno vagliato i risultati di ben quarantotto ricerche condotte da specialisti dell’ateneo inglese, pubblicandoli sulla rivista scientifica Brain and Behavior.

Generalmente lo stato ansioso di un individuo dipende da fattori legati al suo stato d’animo: paura, disagio, stress e preoccupazione influiscono in modo negativo principalmente sul gentil sesso, sempre abituato a sentirsi sotto esame e a dover dimostrare intraprendenza e capacità gestionale della famiglia, del lavoro e della vita privata.

Uno stato ansioso persistente può infatti portare ad un aumento della pressione sanguigna, a nausea e disturbi del sonno. Gli studiosi raccomandano di porre molta attenzione al proprio stile di vita e alle condizioni di salute. Le donne in modo particolare, devono essere capaci di riconoscere il proprio stato d’ansia che se gestito male o trascurato, può degenerare in patologia.

La responsabilità di questo status quo è in realtà genetica. Secondo i ricercatori dell’Istituto di Scienza neurologiche del Consiglio nazionale delle Ricerche (Isn-Cnr) di Catanzaro e dell’Irccs Fondazione Santa Lucia di Roma, il cervello femminile subisce delle variazioni della serotonina legate ad una mutazione del gene 5.

A quanto pare dunque il sesso influenza la produzione della serotonina che influisce così sui cambiamenti di umore sfociando in attacchi di panico e bulimia nervosa. La colpa di questo meccanismo genetico è da attribuire all’amigdala.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *