Home Attualità ‘Back to Normal’, la campagna del Telefono Azzurro per i bambini di Amatrice
0

‘Back to Normal’, la campagna del Telefono Azzurro per i bambini di Amatrice

0
0


Il terremoto di Amatrice ha coinvolto anche i bambini. Non ha risparmiato nessuno. Ricordiamo ancora le immagini del rinvenimento di corpicini innocenti senza vita sotto i cumuli di macerie e del recupero di altrettanti bambini ora costretti a vivere nelle tendopoli. A loro è dedicata la campagna mediatica promossa dal Telefono Azzurro. Il video “Back to Normal” tiene accesi i riflettori su come vivono i piccoli del posto.

 

 

Telefono Azzurro non dimentica il terremoto di Amatrice

 

 

Un hashtag per raccontare il desiderio di normalità dei piccoli terremotati italiani. #BackToNormal gira sul web e vuole ridare ai bambini di Amatrice una quotidianità dignitosa.

Nei primi giorni post terremoto i disegni dei baby abitanti delle tendopoli raccontavano il timore, la paura dell’abbandono e della morte, vissuti dai bambini di Amatrice, Accumuli e delle altre zone sismiche. Per non dimenticare, il Telefono Azzurro ha messo in rete il primo di tre video, pensati per raccontare la vita quotidiana attuale dei bimbi nelle tendopoli.

Protagonisti del primo e toccante filmato sono Marco e Giorgio, entrambi di 10 anni. Si mettono a confronto due vite diverse: quella di un terremotato con l’altra di un bimbo che, fortunatamente, non ha vissuto il dramma del sisma. Il parallelo serve a far riflettere.

Ad un mese dai tragici fatti, ai bambini del posto è stato garantito soccorso psicologico e supporto emotivo, oltre che didattico e ricreativo. Il Team Emergenza di Telefono Azzurro ha accompagnato gli studenti di Amatrice e degli altri paesi colpiti dalla calamità all’esordio del primo giorno di scuola e lo farà per il resto dell’anno scolastico, sostenendoli anche nelle attività extrascolastiche.

“Back to Normal” è anche un invito a contribuire al Fondo per l’Emergenza di Telefono Azzurro. Per sostenere tutte queste attività giorno per giorno, occorre infatti l’aiuto di tutti.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *