Bambini ed iPad: istruzioni per l’uso

0
0


Generazione da iPad. I bambini di oggi usano questo strumento con maestria e ci giocherebbero per ore. Quali potrebbero essere i danni involontari causati al bambino da un uso incontrollato di iPad?

 

iPad: come monitorare l’uso dei bambini

 

Cliccano con facilità sui pulsanti, acquistano un’app e accedono ai contenuti con cui giocare. I bambini possono essere guidati nell’uso dell’iPad. Gli adulti infatti riescono a gestire i contenuti non adatti a loro.

Anzitutto per evitare problemi di questo tipo, basta disattivare Safari, entrando nella sezione “Restrizioni” delle impostazioni iOS. Nel caso fosse stato scaricato un altro browser, non essendoci possibilità di bloccarlo, basterà direttamente disinstallarlo, così come sarebbe opportuno disattivare anche il wi-fi, permettendo al piccolo di adoperare un’app che non ha bisogno della connessione.

Dall’area “Restrizioni”, si può decidere di disabilitare la fotocamera, inserendo opzioni di Parental Control per supervisionare i contenuti adatti all’età infantile. L’iPad deve essere uno strumento di gioco educativo e didattico, con uso limitato nel tempo per non creare dipendenze. Dall’area “Accesso guidato” si può perfino stabilire un limite di tempo per l’uso del tablet, che una volta trascorso, farà spegnere il dispositivo automaticamente.

Ovviamente attraverso il pannello delle “Restrizioni” si può limitare l’acquisto di app a pagamento, proteggendo il salvadanaio familiare. L’iPad inoltre ha una funzione molto interessante e utile che è quella dell’Accesso Guidato, che insegna ai bimbi come usare un’app per volta, bloccando anche alcuni punti dello schermo che non potranno essere cliccati.

 

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *