barbie_398987559_ba050
barbie versace
5c322dc655d25c4b60f2c118a421de99
th809MENR8
pompadour2
midge%20wedding
barbie_19_528
74c60fb8ad96ff5a11dba2d319ee8a34
1959-Barbie
9d03b52e44de968870edb7f41eb1bb0a_orig
Mostra-Barbie-Roma-Aprile-2016-costo-dettagli
0

‘Barbie the Icon’: la mostra approda a Roma

0
0


Barbie rivive ‘la dolce vita’. Barbara Millicent Roberts, dopo Milano, approda a Roma per raccontare i suoi 56 anni di vita. La bambola icona che ha abbattuto ogni frontiera culturale, sociale e antropologica, dopo il Mudec (Museo delle Culture di Milano), è nel Complesso del Vittoriano, esposta nella città eterna, fino al 30 ottobre.

 

Barbie the Icon, la mostra approda a Roma

 

Nuove Barbie esposte in allestimento a Roma. La mostra a cura di Massimiliano Capella, si arricchisce di bambole della serie Barbie Fashionista, comprendente i modelli Curvy, Tall e Petit da poco coniati della doll più famosa al mondo, riprodotta nelle diverse corporature femminili. Oltre a queste nuove versioni, si potranno ammirare le wedding dolls della Coppia Reale inglese, William e Kate.

La mostra ripercorre tutta l’esistenza della bambola creata dalla Mattel. Barbie ha attraversato indenne il trascorrere del tempo, riadattandosi a stili, epoche e terre diverse. Rappresentativa di oltre 50 diverse nazionalità, la bionda giocattolo è simbolo della globalizzazione. Dal giorno in cui ha debuttato al New York International Toy Fair, il 9 marzo 1959, Barbie ha intrapreso 150 professioni: dopo aver compiuto un viaggio sulla luna, è diventata ambasciatrice Unicef e ha indossato un miliardo di abiti per 980 milioni di mt di stoffa.

Il percorso espositivo adatto per adulti e bambini, è articolato in cinque sezioni. Una sala introduttiva è dedicata alla collezione Semplicemente Barbie, composta da otto pezzi iconici rappresentativi di ogni decade, dal 1959 al 2016.

La prima sezione della mostra, Da Barbie Teenage Fashion Model Doll a Fashionista, è dedicata alla moda. Barbie è sempre stata una fashion victim, come dimostrano i continui outifit creati per lei. Tra essi sono compresi perfino i capi disegnati da grandi stilisti quali Moschino, Ferrè, Versace, Dior, Gucci, Calvin Klein, Vivienne Westwood e ancora Prada, Givency, fino a The Blonds e Louboutin, che hanno vestito la celebre bambola.

La seconda sezione, Barbie Careers, mostra le carriere intraprese da Barbie, mentre la terza è dedicata a Barbie Family, con tanto di famiglia e amici al seguito. La quarta sezione è riservata invece a Barbie in viaggio, che onora le diverse culture del mondo. La quinta e ultima sezione, intitolata Barbie Divas racconta come nel tempo lady Mattel si sia identificata con molte dive del cinema quali Liz Taylor, Marylin Monroe, Audrey Hepburn, Cleopatra e Madame Pompadour.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *