Belle dopo il cancro: il turbante che ridà Vita alle pazienti oncologiche

0
0


Ogni modello ha un nome e una fantasia che rievoca significati più profondi: ci sono le catene che richiamano il mondo e la sensualità delle amazzoni, gli strumenti musicali che suggeriscono la vitalità di una bella sinfonia, le farfalle e i (tanti!) fiori colorati per le più romantiche. Sono i nuovi turbanti Vita, dedicati dalla celebre seteria Mantero alle donne che stanno lottando o hanno già vinto la loro battaglia contro il cancro. Ideati in collaborazione con l’Ospedale San Raffaele di Milano, i turbanti provano a soddisfare “un’esigenza delle pazienti. Volevamo un prodotto allegro e colorato -spiega a Vita l’ideatrice Valentina Di Mattei, psicologa e ricercatrice dell’Università Vita e Salute- che interpretasse la forza e l’energia di tutte le donne, ne celebrasse la bellezza e ne valorizzasse la femminilità. Qualcosa che fosse bello, prezioso, non triste”.

Per i turbanti, che riprendono le stampe iconiche della maison, gli stylist di Mantero hanno lavorato insomma a stretto contatto con il personale medico e le pazienti oncologiche.  “Il prodotto doveva essere bello ma anche comodo, facile da indossare. È stato necessario ricreare i volumi dei capelli, studiare il peso e la caduta delle stoffe, pensare a due code per fissare il turbante in maniera semplice e sicura, perché chi non ha dimestichezza con il foulard ha sempre paura poi che scivoli” -continua l’ideatrice. Versatilità, comodità, unicità ma, anche, accessibilità sono dunque le caratteristiche dei turbanti Vita, che possono essere già acquistati online e in alcune boutique meneghine e che hanno, appunto, un prezzo modico (80 euro, ndr) volutamente fissato perché fossero “qualcosa di bello, ma accessibile a tutti” –spiegano dal San Raffaele.

 

Ben oltre un turbante: un progetto aiuta le donne colpite dal cancro a riscoprire la loro femminilità

 

Ma non è tutto. Grazie al totale coinvolgimento e alla sensibilità della seteria Mantero, il ricavato della vendita sarà interamente destinato alla lotta contro il cancro. I turbanti Vita nascono, infatti, nell’ambito di Salute allo Specchio, un progetto (ora anche una onlus, ndr) che da anni offre sostegno alle donne che hanno affrontato un tumore e che, proprio a causa della malattia, hanno difficoltà a rapportarsi con la propria femminilità. Quotidianamente incontri con esperti di immagine, makeup artist e psicologi insegnano alle pazienti oncologici come truccarsi, scegliere la parrucca giusta, giocare con la propria immagine. L’ obiettivo? Evitare che chi ha affrontato un cancro si limiti a “gestire gli effetti collaterali delle terapie”. Ridargli vita, forza, progettualità.

 

Virginia Dara Siciliana di nascita, milanese e ora un po' romana di adozione. Le piace pensare di essere i libri che ha letto, la musica che ha ascoltato, i posti in cui ha vissuto, le persone che ha incontrato. Blogger da sempre e da anni collaboratrice freelance presso diverse testate online. Crede profondamente nel potere curativo della scrittura (e spera di poterne anche vivere!).

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *