104140729-a5280a13-4da3-44c5-bd5a-d5485861809a
Ok Consiglio Sicurezza Onu invio osservatori Aleppo
0

Bimba di sette anni a Trump: “Per favore, può salvare i bambini della Siria?”

0
0


104140729-a5280a13-4da3-44c5-bd5a-d5485861809a

Una giovane siriana scrive una lettera aperta a Donald Trump. Bana Alabed ha sette anni ed è già conosciuta in tutto il mondo per i suoi tweet postati da Aleppo. Dalla Turchia, sua attuale città di residenza, scrive al nuovo Presidente degli States per chiedere aiuto: “Per favore può salvare i bambini e il popolo della Siria? Lei deve fare qualcosa per i bambini della Siria perché essi sono come i suoi figli e meritano la pace come lei”.

 

 

Bana Alabed, appello a Trump per i bimbi siriani

 

 

E’ fuggita da Aleppo insieme alla sua famiglia lo scorso dicembre. Per due mesi con i suoi Tweet ha aggiornato il modo sulle reali condizioni della Siria. In un suo ultimo messaggio aveva scritto: “Quando moriremo, continuate a parlare delle 200mila persone che sono ancora qui”, poi aggiungeva: “Non ho più una casa, è stata distrutta dai bombardamenti. Per favore pregate per noi”.

Alabed, che ora vive in Turchia, non dimentica quello che ha vissuto nella sua terra di origine e che ancora subiscono i suoi conterranei. La piccola, come raccontato dalla madre Fatemah, ha scritto la sua lettera qualche giorno prima del giuramento di Trump, che ha visto molto spesso in Tv.

La bimba ha capito che Donald era uno che “contava” a livello mondiale, così ha scelto di parlargli attraverso la scrittura. Intanto Trump ha ribadito in un Tweet: “Grande giorno domani per la sicurezza nazionale. Tra le tante cose, costruiremo il muro!”.

Lo aveva anticipato il New York Times e si è realizzato. Sarà posta una firma su un decreto sull’immigrazione, per la costruzione della barriera al confine col Messico. Intanto un’altra donna, Nikki Haley, governatrice repubblicana della South Carolina, è stata nominata a pieni voti, ambasciatore americano dell’Onu.

Trump sarà davvero capace di ascoltare la piccola Alabed? Darà una mano a questa bambina e al suo popolo? Il mondo attende una sua risposta ed Alabed prega che questo incubo, presto finisca e che ci sia pace per tutti.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *