0

Bimbi e natura: la passeggiata per educarli all’arte della serenità

0
0


Bimbi e luce solare: il rapporto con l’ambiente aperto condiziona in positivo la crescita dei figli. A dimostrarlo sono molte ricerche che rivelano quanto l’impatto con la natura, trasformi profondamente le condizioni emotive.

 

 

 

Bimbi all’aria aperta: i benefici per la crescita

 

 

 

Un’indagine condotta in Gran Bretagna durata due anni, ha dimostrato che oltre il 10% dei bambini negli ultimi dodici mesi dall’inizio della ricerca non è mai stato in un ambiente naturale. Eppure il verde condiziona in positivo corpo e mente dei bimbi, aiutandoli a lavorare in sinergia con sé stessi, migliorando il buon umore.

Il contatto dei bimbi con l’aria aperta e la natura è vitale per la loro crescita, per questo alle mamme e ai papà delle nuove generazioni, si consiglia di soffermarsi più spesso con i bambini al parco, dando loro l’opportunità di correre, liberando le emozioni e sciogliendo le tensioni accumulate, almeno mezz’ora al giorno.

In una famiglia in cui gli adulti sono frequentatori abituali di aree verdi, l’82% dei bambini mostra di seguire questo approccio e di affrontare la vita in modo più sereno. La frequentazione di spazi verdi, aiuta il piccolo a mettersi in contatto con le sue sensazioni, gestendo meglio le proprie emozioni, perchè si sa che all’aria aperta, suoni, profumi e colori, condizionano ed allenano le percezioni.

Passeggiare con i bambini per mano, come consiglia l’Organizzazione Mondiale della Sanità, combatte sovrappeso, ipertensione, ansia e depressione. Camminare insieme ai figli è anche un modo per comunicare e raccontarsi la giornata. Per questo, mamma e papà potranno portare con sè matite, colori e album da disegno, chiedendo ad esempio al bambino, di ritrarre la natura dal vivo. Dagli studi emerge che quando si fa esperienza di qualcosa giocando, il processo di apprendimento è più rapido. Si può dunque sfogliare insieme ai piccoli un libro di botanica, in cui ricercare fiori e alberi, da ritrovare poi nella natura che li circonda.

Le ricerche attuali evidenziano che l’andare a scuola a piedi ad esempio, è una valida alternativa alla passeggiata all’aria aperta, cosa che avviene sempre meno spesso. Camminando a contatto con la natura, il piccolo ha la possibilità di conoscere il proprio quartiere, l’ambiente che lo circonda nella città in cui vive. La natura diventa per lui una conquista che accresce il bagaglio interiore: insegna l’amore per se stessi in una prospettiva di libertà ed autonomia.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *