Bimbi ed igiene dentale: come combattere i denti ingialliti

0
0


Bambini ed igiene dentale. I più piccoli detestano lo spazzolino da denti ed ecco che il sorriso anche in tenera età può risultare ingiallito. Alla mamma spetta il compito di educare i figli alle tuo buone abitudini alimentari e igieniche, che rendono i dentini bianchi. “I denti da latte hanno una caratteristica straordinaria: sono candidi“, spiega Enrico Riva, pedodontista. “La loro bellezza, però, è proporzionale alla salute: più sono bianchi meglio stanno. Quelli permanenti saranno per natura meno immacolati ma, se prendono il posto di denti sani, è probabile che crescano forti e belli”.

 

Denti bianchi in tenera età: come fare

 

Inziare a curare il sorriso fin da piccoli è una sana abitudine che pregiudica la bellezza dei denti. Appena spuntano, fino ai 6 mesi di vita del piccolo, la mamma dovrebbe lucidare dopo i pasti i dentini del bimbo con una garzina e un po’ di dentifricio per bambini. Con l’avvicinarsi del primo anno di vita, il bimbo dovrà prendere dimestichezza con lo spazzolino misura baby, che dovrà essere usato non in orizzontale ma in verticale, partendo dalla gengiva. Il lavaggio dei denti all’inizio va condiviso con mamma e papà.

Prima dei 6 anni, il dentifricio da scegliere deve essere uno aromatizzato, più gustoso per i bambini e con contenuto di fluoro pari a 500 ppm (parti per milione). Dopo i 6 anni, invece, la quota aumenta a 1.000 ppm.

Il fluoro rinforza lo smalto, alza il pH della saliva allontanando i batteri che sono responsabili della carie. Ai piccoli può essere somministrato anche per bocca, mediante una pastiglietta da sciogliere tra i denti come una caramella. Verso i 4 anni è bene poi programmare la prima visita di controllo da un pedodontista.

Per le mamme è importante controllare che i denti abbiano un buono smalto, verificare il pH della saliva e analizzare la flora batterica. Esistono infatti test salivari che permettono di stabilire se il pH del bimbo è troppo acido o se la flora batterica risulta particolarmente insidiosa.

Per evitare problemi alla salute dei denti dei bimbi, non bisogna mai dargli cibo già addentato da qualcun altro, anche dalla mamma stessa. La flora batterica passa infatti da una persona all’altra. Al piccolo va insegnato come bere dal bicchiere, soprattutto le bevande zuccherine. Con il biberon il liquido resta più a lungo in bocca, cosa che crea un ambiente favorevole ai batteri che indeboliscono lo smalto. Infine occorre ricordare che i denti dei bimbi vanno lavati mezz’ora dopo ogni pasto!

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *