Black mask: la ricetta per realizzarla in casa

0
1


Chi siamo? Da dove veniamo? Qual è il senso della vita? È nato prima l’uovo o la gallina? Ma soprattutto, esiste una soluzione definitiva ai punti neri? Su quest’ultimo quesito, che noi donne ci poniamo almeno una volta al giorno, negli anni sono stati brevettati milioni di metodi e prodotti diversi ma uno di questi si distingue dagli altri a tal punto da essere definita “la maschera dei miracoli”. Parliamo della black mask, la maschera nera creata in Cina che ha fatto innamorare le beauty esperte mondiali al punto da essere letteralmente osannata. Nonostante questo essa continua ad essere difficilmente reperibile in Italia quindi oggi vogliamo darvi la ricetta per realizzarla a casa e risparmiare davvero tanto in termini di costi e tempo.

Black mask: la maschera nera che risolve i tuoi problemi

Innanzitutto, per chi ancora non la conoscesse, la versione originale della BM – che purtroppo non è famosa per avere un buon profumo – altro non è che una miscela di colla vinilica e glicerina che una volta spalmata sul viso e lasciata in posa diviene una specie di pellicola gommosa che quando viene rimossa porta via con sé le impurità. Per realizzarla a casa avrete bisogno di:

  • 3 pasticchette di Carbone vegetale ( si trova in farmacia o nei grandi supermercati)
  • 2 cucchiai e mezzo di latte parzialmente scremato
  • 3 fogli di gelatina per dolci ( la cosiddetta colla di pesce)

Riempite una ciotolina con acqua fredda e immergete i fogli di gelatina per ammorbidirli – volendo potete anche spezzarli a metà o in tre parti, per facilitare il passo successivo – e nel frattempo in un pentolino portate il latte ad ebollizione. Mentre il latte si scalda pestate le 3 pasticche di carbone fino a ridurle in polvere sottile. Quando il latte è pronto nella ciotola che userete per la maschera versate il latte e poi la colla di pesce facendo in modo che si sciolga fino a divenire una miscela omogenea. Per facilitare il processo potete aiutarvi mettendola nel microonde per 2 minuti o a bagnomaria. Quando la gelatina si sarà sciolta unite il carbone e lasciate che si intiepidisca continuando a mescolare in modo che non si addensi troppo.  Aiutandovi con un pennello applicate la maschera insistendo sulla zona T – fronte, naso e mento – stando bene attente a non andare sul contorno occhi o labbra poiché potrebbe causarvi irritazioni.

Lasciate in posa 20/30 minuti e poi “staccatela” come fosse una pellicola. Se dovesse seccarsi troppo, inumiditevi le dita con un po’ di acqua tiepida e passatele sulla maschera. Con un batuffolo imbevuto di tonico o acqua di rose rimuovete i residui e applicate una crema idratante.

Avvertenze: la maschera funziona di più se prima di applicarla provvederete a far “aprire” i pori tramite il vapore caldo. Se non avete un vaporizzatore a casa potete affidarvi al caro vecchio metodo della pentola di acqua calda, alla quale potete aggiungere foglie di menta o rosmarino in caso di pelli particolarmente critiche.  

Si ringrazia Gersaly per aver creato la ricetta

Martina Mattone Ha più di vent’anni, ma meno di trenta. Laureata in Lettere e specializzanda in filologia moderna è appassionata di moda e bellezza. Intollerante al lattosio e al genere umano (anche se a volte cade in tentazione e coglie il lato romantico delle cose). Crede fermamente nella vita e nel fatto che, come successo a Cenerentola, un paio di scarpe possano cambiartela.

Comment(1)

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *