0

“Bon’t Worry”: Bo Guerreschi aiuta donne ed uomini a superare la violenza di genere

0
0


Donne che reagiscono alla violenza di genere. Bo Guerreschi è un esempio del coraggio diventato forza attiva per sostenere le altre donne vittime di violenza. Dopo aver subìto dall’ex marito abusi fisici e psicologici, la Guerreschi ha creato una onlus in grado di dare aiuto immediato a chi lo richiede.

 

 

Bo Guerreschi e il coraggio di reagire alla violenza

 

 

Bon’t Worry è la onlus fondata nel 2015 da Bo Guerreschi, che ben conosce sulla sua pelle le ferite lasciate da un rapporto d’amore violento. La donna, oltre ad essere un’economista internazionale, ha scelto di mettere al servizio del gentil sesso la sua dolorosa esperienza.

In un’intervista rilasciata al ‘Corriere della sera’, la Guerreschi ha dichiarato: “La cosa che rende davvero difficile salvare quante vivono questo incubo è la mancanza di immediatezza nell’aiuto, le lentezze burocratiche e la difficoltà di essere prese subito e completamente in carico, nella piena sicurezza dell’anonimato. A me interessa salvare più donne possibile”.

Per far fronte a tutto questo è sorta Bon’t Worry, che vanta un team di medici, psicologi e avvocati volontari, impegnati ogni giorno a seguire le donne vittime di abusi, affinchè denuncino e si liberino dal loro oppressore.

Attualmente la onlus segue 72 donne e 12 bambini, tra case protette e diffide attive. Chi volesse ricorrervi, può disporre h 24 di un numero verde (800.10.14.14). Sembra proprio che le urgenze italiane siano tante: al mese arrivano circa 180 richieste di aiuto.

Sostenuta da donazioni private e aziende, Bon’t Worry presto aprirà altre sedi all’estero. Il 2017 vedrà il progetto di aiuto della Guerreschi, approdare in altri sei Paesi come Stati Uniti, Inghilterra e Portogallo.

Bo prende in carico totalmente le istanze delle donne che gridano aiuto: assiste non solo il gentil sesso minacciato, ma anche i suoi familiari. Li aiuta a rifarsi una vita anche dopo una sentenza di primo grado, supportandoli nel cambiare vita, città, trovando perfino un lavoro, se è il caso, che garantisca alla donna la giusta indipendenza.

La sfida della Guerreschi non si ferma qui: presto sarà anche attivato un secondo numero verde dedicato agli uomini. A supportarli troveremo un team di esperti maschili, intenti ad aiutare mariti e compagni a superare il senso di frustrazione e inadeguatezza, che spesso fa scattare gelosie, ossessioni sfociate in violenza e in gesti orribili ai danni delle donne.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *