0

Bonus bebè 2016: tutte le info per ottenerlo

0
0


Il cd. Bonus bebè – in termini tecnici “assegno di natalità” – consiste in un’erogazione mensile di importo pari ad 80€ a favore delle coppie , con un Isee inferiore a 25.000€ , che hanno avuto figli o ne hanno preso in affidamento o adottato dal gennaio 2015. L’importo poi sale a 160€ mensili per i nuclei familiari il cui Isee non superi i 7 mila euro. L’importo del bonus bebè non è soggetto a tassazione in quanto non concorre alla formazione del reddito complessivo.
La Legge di Stabilità ha confermato anche per il 2016 il bonus introdotto lo scorso anno e previsto per le coppie che avranno un figlio sino al 31 dicembre 2017. La circolare INPS n. 93, ha poi spiegato e chiarito le modalità di presentazione della domanda per via telematica, il modulo da utilizzare e la scadenza entro la quale la neo mamma o il genitore, che ha adottato o ha in affido il bimbo, deve presentare la richiesta.

Per non rischiare di perdere il diritto al bonus bebè occorre rinnovare la certificazione dell’Indicatore della situazione economica equivalente (Isee) entro il 31 gennaio. In caso di presentazione dell’ Isee 2016 oltre tale data, l’erogazione del bonus viene sospesa fino alla data di presentazione della stessa. Chi invece non ha presentato la richiesta nel 2015 può farla anche nel 2016 ma il bonus in ogni caso verrà erogato solamente a partire dal mese successivo alla richiesta nel caso siano trascorsi più di 90 giorni dall’ evento nascita con la perdita delle mensilità precedenti.

 

La procedura da seguire

 

La domanda per richiedere il Bonus Bebè 2016 deve essere presentata da uno dei genitori (cittadini italiani o comunitari oppure cittadini di Stati extracomunitari con regolare permesso di soggiorno nell’ Unione Europea) residenti in Italia e conviventi con il figlio ed inoltrata:

  • per via telematica all’INPS accedendo al portale dell’Istituto di Previdenza muniti di Carta dei Servizi e di PIN di accesso;
  • telefonicamente, chiamando il numero verde 803.164 (numero gratuito da rete fissa) o il numero 06 164 164 (numero per cellulari, tariffe applicate in base al proprio piano telefonico);
  • o recandosi presso un CAF o Patronato di zona.

La richiesta del Bonus Bebè 2016 deve essere inoltrata a partire dal giorno della nascita del bambino o del suo ingresso nel nucleo familiare e non oltre i 90 giorni. L’assegno erogato dall’Inps viene corrisposto con cadenza mensile per un periodo di 36 mensilità, a partire dal giorno di nascita del bambino (o di ingresso nel nucleo familiare in seguito di adozione) e fino al compimento del terzo anno di età.
L’erogazione del Bonus Bebè si interrompe dopo i primi tre anni di vita del bambino. L’assegno può essere altresì interrotto:

  • per mancanza dei requisiti economici (ovvero se nel corso dei tre anni il vostro Isee è superiore ai 25 mila euro annui)
  • per il decesso o la revoca dell’adozione del bambino
  • per l’affido esclusivo del bambino al genitore che non ha fatto la richiesta dell’assegno direttamente.
Diana Ferrara Ama le lingue e i viaggi “on the road” auto-organizzarti, alla scoperta dei piccoli gioielli del Mondo. Sogna di diventare magistrato. Nel frattempo, si divide tra la frenesia della città e la casa in campagna, nella quale si rilassa con un buon libro tra gli alberi da frutta.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *