0

Cartoni animati per piccoli: ecco perché sono educativi

0
0


Bimbi e cartoons. La tv salva le mamme e la loro quotidinianità. I piccoli davanti alla tv, con telecomando alla mano, si sentono felici e ridono, sperimentando il senso di gioco ed apprendimento, attraverso i beniamini dei loro cartoni animati preferiti.

Bambini e bambine comunicano spesso come Hello Kitty, Peppa Pig, Barbapapà, Masha e Orso, usando il loro slang. Costruzioni, bambole e macchinine, nella cultura del gioco delle nuove generazioni, passano in secondo piano, mentre la tv diventa il compagno di giochi prediletto.

 

Bimbi e cartoons: come educarli attraverso i cartoni animati

 

I cartoni costruiscono sogni e aspettative future dei bambini che li guardano. “Cenerentola”, i “Due Fantagenitori”, riportano i più piccoli all’atmosfera della vita quotidiana, insegnando loro come gestirsi con mamma e papà o cosa apprendere, da esternare poi bene a scuola.

Maschietti e femminucce si immedesimano ad esempio in “Doraemon”, agendo come questo famoso gattino di getto ed impulsivamente. Insomma, i cartoni animati di oggi, risultano intelligenti e costruiscono il sapere dei figli.

Il cartone animato diventa la babysitter che tiene svegli, fermi e attenti i bambini, formando delle basi universali e cognitive per il piccolo. Nelle scene viste sul piccolo schermo, i bimbi distinguono il bene dal male, ciò che giusto da ciò che non lo è; imparano ad articolare meglio il linguaggio italiano, ma anche ad apprendere la lingua straniera.

Grazie alla tv il tempo dei bambini trascorre piacevolmente senza intoppi né scossoni, con colonne sonore da cantare a squarciagola davanti allo schermo o durante la giornata. I personaggi dei cartoni animati sostituiscono insomma l’amico invisibile dei più piccoli, riempendo la loro solitudine e ottimizzando la noia.

Ai bambini batte il cuore per la gioia al solo sentire la canzoncina che li rimanda al proprio cartone preferito, perché la musica, riconosciuta, tocca le corde affettive dei piccolo, facendolo emozionare. Attraverso i cartoni animati i bimbi sentono di appartenere ad un mondo sano e i disegni animati permettono anche da grandi di dare sfogo alla fantasia. Nelle storie raccontate in tv, ci sono racconti di amicizia, di lotte, di scherzi, di impegno, di fughe, di riposo, apprese a memoria dai bimbi, mai paghi di rivedere un episodio della propria serie prediletta.

Anche di sera tardi, prima di cena o dopo il bagnetto, i figli non vedono l’ora di riposarsi davanti a un cartone per poi addormentarsi appagati e sereni. I cartoni insomma aiutano i bimbi ad avere ritmi tranquilli, anche in una serata di assenza di mamma e papà, usciti fuori da soli o con gli amici.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *