Chroming, il rossetto usato come blush

0
0


Non c’è trucco senza gote in vista. La blush mania si evolve e assume i connotati del Chroming, termine usato per indicare la cromatura, tecnica inventata per rinvigorire di salute il viso delle donne.

 

Chroming: un tocco di blush con rossetto rende più bella

 

E’ il nuovo trend del make up di stagione ed è stato creato ad hoc questa estate dal Make Up Artist Mac Cosmetics, Dominic Skinner. Rappresenta la valida alternativa al fard e coinvolge il rossetto usato come blush su zigomi, guance e tempie per illuminarle.

Da piccola ogni bambina ha provato a farlo divertendosi con i rossetti delle mamme usati per avere gote sane. Il rossetto passando dal gioco all’attualità, diventa un pass-partout per le donne. L’ultima invenzione firmata Skinner, lo usa creando un velo impercettibile in controluce sul viso. L’effetto finale? Simile al sunstripping!

Il face make up cambia veste ed assume nuovi connotati. Il recente tipo di blush naturalmente alternativo, viene  applicato al fine di realizzare sulle guance l’effetto sunkissed, tipico della doratura da abbronzatura. La tecnica infatti simula il classico agognato colorito estivo. Basta passare il rossetto chiaro o color bronzo da guancia a guancia superando il naso.

E’ il nuovo bronzing di stagione ma conserva un effetto naturale: “Simula l’effetto che si ottiene quando si fa una passeggiata all’aria aperta, sotto il sole ma senza scottarsi”, assicurano gli esperti del settore.

Facile da ottenere, il chroming dona un viso acqua e sapone irradiato da sprazzi di luce. Serve solo  scaldare con un blush o un bronzing, in polvere o in crema, la parte centrale del viso, che va da tempia a tempia, passando sul naso ma evitando la fronte. Quanto al colore da scegliere, bisogna anzitutto pensare all’effetto che si intende ottenere. La formula in crema, nei toni dell’arancio, pesca e corallo, assicura sempre un tratto più delicato! Caramello e mattone sono invece perfetti invece per un look baciato dal sole. Consigliata anche la dicromia che punta a creare sul volto giochi di luci ed ombre donando un effetto sorprendente. Provare per credere!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *