Contrastare l’effetto crespo si può: il metodo “LOC”

0
0


Sembrava che l’estate fosse prossima, avevamo già fatto il cambio di stagione e le speranze di trascorrere una giornata al mare cominciavano ad allietare le menti. Eppure il gelo è tornato a farci visita. Le stagioni, se ancora possono definirsi tali, ci hanno illuso, e l’appuntamento con il bel giubbotto di pelle è stato rimandato.

I capelli, che reazione avranno avuto? Non contenti dei cambiamenti climatici improvvisi, hanno manifestato la rabbia attraverso l’inconfondibile effetto crespo. Ma niente paura! Così come vestirsi a strati sembra la soluzione migliore per evitare influenze e mal di gola, anche i capelli possono essere curati per garantirne protezione e definizione.

 

Metodo “LOC”: chiome perfette in soli tre passaggi

 

Diamo quindi il benvenuto al metodo LOC, che sta per Leave-in o Liquid, Oil, Cream. Si tratta di tre passaggi consecutivi indicati per lo styling dei capelli, in particolare ricci e mossi.

1)La fase uno permette di scegliere tra due opzioni: sciacquare i capelli con un ultimo getto di acqua fredda (liquid) per chiudere le cuticole, oppure applicare un balsamo senza risciacquo (leave-in).

2)Il passo che segue riguarda l’utilizzo di un olio (oil) non raffinato, come quello d’oliva, cocco, ricino, mandorle, argan, jojoba, ecc. I capelli più spessi e con bassa porosità richiederanno più olio, viceversa per i capelli fini e ad alta porosità. Se è la prima volta che vi inoltrate nel metodo LOC, conviene iniziare con piccole quantità di olio, magari solo sulle punte, osservando i risultati per valutare durante i lavaggi successivi se aumentare o meno la dose.

3)Infine si procederà con una crema per capelli o un gel – molto gettonato è il gel all’aloe vera, per le proprietà benefiche della pianta.

La spiegazione del metodo LOC è terminata, ora arriva la parte più interessante: i trucchi anti-crisi per fare in casa un balsamo senza risciacquo e una crema per capelli. Armatevi di una ciotolina o di una bottiglia spray, riempitela per metà di acqua, aggiungete qualche cucchiaio del vostro balsamo preferito e mescolate. Avrete così ottenuto un leave-in che potrà essere arricchito con oli ed essenze. Passiamo alla crema: sostituitela con una crema idratante per il corpo ed il gioco è fatto. Se siete amanti del bio, fate attenzione a ciò che andrà a nutrire le vostre chiome, assicurandovi che tra gli ingredienti non vi siano petrolati, parabeni, siliconi, oli minerali ed altre componenti chimiche dannose. Lavorare di fantasia è di sicuro ammesso: divertitevi con olio, miele, limone, semi di lino, amido di mais, burro di karité, potrete creare numerose ricette di cui i capelli si innamoreranno. Inoltre, non c’è bisogno di seguire rigorosamente tutte e tre le fasi del metodo, se ne possono scartare una o due, se ne può invertire l’ordine. A cosa serve allora questa tecnica? L’utilizzo di prodotti cremosi e di oli è in grado di costruire una barriera protettiva contro freddo e umidità: i capelli saranno molto più definiti ed avranno una tendenza minore (se non nulla) ad incresparsi.

Valentina Pascucci Ha vent'anni ed ama viaggiare, nonostante non possieda ancora la patente. Crede di poter combattere il male nel mondo grazie ai suoni devastanti che saranno emessi dal suo amato basso elettrico. Le cuffie sono un'estensione del suo corpo, tanto che deve spesso ricordarsi di non scuotere la testa a ritmo di metal quando intorno a lei ci sono altre persone. Se la vedete con lo sguardo fisso su di un punto, sappiate che lo fa perché convinta di aver scoperto verità fino a quel momento nascoste; poi, quando ritorna nel mondo reale, si rende conto di aver esagerato con l'immaginazione oppure dimentica tutto.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *