Depressione Post Partum, al via nuove ricerche a Torino

0
0


Una nuova ricerca medica si è concentrata sui disturbi dell’umore, presenti anche nelle neomamme, soprattutto nel periodo immediatamente successivo al parto.Gli studiosi del dipartimento di Neuroscienze Rita Levi Montalcini dell’Università di Torino si stanno impegnando proprio allo scopo di studiare i differenti disturbi legati all’umore e di individuare quelli che potrebbero essere nuovi tipi di trattamento, in grado di aiutare chi viene colpito da queste problematiche.

Tali disturbi sono indicati come in grado di influenzare in modo davvero negativo la vita di chi ne soffre, e sono diffusi in modo rilevante in quanto possono presentarsi con sfumature davvero differenti a seconda della persona che ne sia afflitta.

Le condizioni descritte si dividono in disturbi bipolari e di tipo esclusivamente depressivo, e per ognuna di esse è necessaria una terapia mirata; in molti casi, inoltre, la diagnosi imprecisa ritarda l’applicazione dei trattamenti e determina il peggiorare della condizione di chi stia soffrendo.

 

 

Neomamme ma anche donne in menopausa colpite dalla depressione

 

 

Il gruppo di studio, che ha come referente Giuseppe Maina ed è composto da Umberto Albert, Francesco Oliva e Gianluca Rosso, si occupa di studiare i differenti quadri clinici che si possono presentare, con un occhio di riguardo a quelli che possono riguardare alcune fasi della vita: il post partum ed anche la fase della menopausa per le donne.

I ricercatori stanno analizzando i marcatori neurobiologici ed anche i nuovi trattamenti che possono essere proposti ai pazienti: infatti, obiettivo dello studio è consentire una diagnosi precisa, realizzata proprio mediante marcatori oggettivi del disturbo, in modo da raggiungere l’applicazione di trattamenti efficaci e tempestivi.

Lo studio, inoltre, è svolto in collaborazione con il Fatebenefratelli di Brescia e l’Università di Milano e vede il coinvolgimento di pazienti anche di sesso femminile con età superiore ai 60 anni, per rilevare la fragilità e la depressione in età avanzata nella donna.

Stefania D'Ammicco Giornalista, scrittrice ed insegnante di yoga. Ama gli animali, canta in una rock band e cerca di imparare e scoprire cose nuove ogni giorno, sempre col sorriso sulle labbra.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *