Home Associazioni “Do you see her?”: la nuova campagna di Women’s Aid
0

“Do you see her?”: la nuova campagna di Women’s Aid

0
0


Il trucco a coprire il lividi lasciati dal marito, un sorriso (finto) che nasconde a figlia e nipoti il dolore e, infine, l’espressione del volto che cambia quando tutti vanno via e lei resta da sola in quella casa, con quel marito la cui unica parola che ripete in continuazione è “scusa”. Si intitola “Do you see her” (“Tu la vedi?”, ndr) ed è il nuovo video della campagna lanciata da Women’s Aid, organizzazione no profit inglese che si occupa di aiutare donne e bambini vittime di violenze domestiche. È uno spot che apre gli occhi su un tipo diverso di vittima, che chiede di fare attenzione ai dettagli perché non sempre le vittime sono giovani donne, anzi spesso sono proprio le donne più anziane quelle che restano nell’ombra, invisibili, capaci più delle giovani di mascherare il dolore e non mandare richieste di aiuto. Nello spot è proprio questo che si mostra: una nonna e mamma che subisce le violenze del marito ma che di fronte alla figlia e i nipoti si finge felice e serena, incapace di lanciare un messaggio di aiuto.

 

“Siamo qui per voi. Noi vi aiuteremo”

 

In campo per questo spot, Women’s Aid ha schierato un cast di tutto rispetto: prodotto dalla Ridley Scott Associates, nel minuto e cinquanta di filmato si riconoscono gli attori inglesi Anna-Marie Duff (vista da poco al cinema in Suffragette), Tessa Peake- Jones e Phil Davis. “Il corto è un duro monito al fatto che anche le persone più vicine ad una donna che subisce abusi spesso non sappiano cosa succede dietro le porte chiuse – ha commentato Polly Neate, amministratore delegato di Women’s Aid -. Ogni donna, di qualsiasi età, può essere costretta a vivere nella prigione invisibile degli abusi domestici. Vogliamo mandare un messaggio chiaro a tutte le donne anziane che subiscono violenze in casa: Woman’s Aid è qui per voi. Noi vi aiuteremo”.

Anna Peluso Nolana di nascita, romana di adozione. Ingorda di serie TV, discreta lettrice, amante del nuoto. In generale? Ama viaggiare ma i posti che ha conosciuto sono sempre troppo pochi. Sta meglio in acqua che sulla terraferma. Un giorno spera di fare della scrittura il suo lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *