0

Donne alla ricerca del principe azzurro: quali uomini evitare?

0
0


Le donne sognano il principe azzurro, ma conoscono sempre uomini “sbiaditi”. La psicologia ci viene in aiuto definendo in un “Manuale del perfetto imbecille” le categorie maschili di cui diffidare e naturalmente da cui scappare.

 

 

L’uomo giusto? Le categorie da evitare

Accorgersi in tempo della vera natura maschile, serve ad evitare inutili delusioni e brusche rotture. Esistono allora diverse tipologie di uomo da cui tenersi a debita distanza. Sono sette macro tipi, ma se ne potrebbero trovare molti altri! La costante comune? Andare oltre le apparenze, soprattutto non fermandosi alle impressioni dei primi incontri.

All’inizio si sa, ognuno cerca di dare il meglio di sè all’altro per catturarne l’attenzione, ma col tempo avviene naturalmente la trasformazione e cala già il triste sipario. Per evitare di cadere nella trappola della storia sbagliata e sentirsi principesse sedotte e abbandonate, ecco l’elenco degli uomini da evitare.

Il misterioso: silenzioso e indecifrabile, sembra il tipico uomo a cui non bisogna chiedere mai; non si apre abbastanza, nè racconta molto di sè. E’ malinconico e ama stare per conto proprio. Qualsiasi tentativo di comprenderne la psicologia, può solo indurre la donna a fare giri mentali, cadendo lei stessa nella trappola del dubbio iperbolico. Il risultato? Su di lui si finisce per fantasticare ipotizzando sogni di vita a due, col risultato che poi la sua non presenza indurrà l’amata alla stanchezza.

Lo spavaldo: sa tutto di tutti, lui è l’incarnazione della certezza. E’onnisciente e si pone continue domande; a corto di argomenti o punzecchiato da altrui osservazioni però, si infuria. Convinto della sua superiorità, sceglie donne che lo elogiano di continuo. Ha una scarsa considerazione della compagna in questione, il cui parere, conta sempre e comunque meno del suo. La conseguenza? Sta bene anche da solo, dunque lasciatelo perdere, alla lunga vi relegherà in un angolino.

L’arrampicatore sociale: Opportunista e sfruttatore, ogni occasione è buona per vivere a scrocco. Ama frequentare donne di un certo rilievo e dal soldo facile. Finirà  col tempo per risucchiarne come una sanguisughe le carte di credito, ottenendo grazie alla sua intercessione, prestigio sociale. Guadagnato il successo, tradirà facilmente nell’inconsapevole senso di frustrazione che sempre avvertirà interiormente.

Il narciso: Bello e impossibile. Si ferma a specchiarsi in ogni superficie riflettente, realizza continui selfie e ostenta la sua fisicità. Maniaco dell’ordine e della cura personale, diventa intoccabile. Spettinargli un solo capello lo farà irritare. Coltiva solo le cose che gli piacciono e che conosce meglio. Maleducato, ritardatario, giudica dal piano fisico ogni ragazza. Anche un chilo in più è per lui sinonimo di inadeguatezza. La conseguenza? Ama solo se stesso e non potrà  mai guardare all’interiorità di una donna.

Lo scansafatiche: Lamentoso e senza forze. Ogni piccola difficoltà  è insormontabile. Pieno di frustrazioni, vive nell’inoperosità. La sua vita? Un’eterna zavorra. Solo lui ha sofferto e le conseguenze della sua infelicità sono tutte frutto della sfortuna. Incline alla depressione, è troppo pigro perfino per continuare a conquistare una donna. Una volta catturata la preda, si lascerà  trascinare o addirittura si chiuderà in casa, lasciando la compagna sola in ogni circostanza.

La pecorella: Tranquillo, affabile, simpatico con gli amici. Dice sempre di si. Ha il classico viso d’angelo e sembra il bravo ragazzo da presentare a mamma e papà. Incline all’infedeltà, ha sempre il cellulare tra le mani. Finge di avere continui imprevisti e nasconde segreti di cui non parlerà mai. Non ha problemi a mentire. Per lui WhatsApp è un campo da giochi. Sul web intratterrà le più ardue battute di caccia. Perciò non escludete che abbia una vita parallela o addirittura non abbia mai lasciato la sua ex.

Il pragmatico: Per lui tutto è calcolato. Realista, pignolo. Ogni parola va presa alla lettera, guai a sbagliare, bisognerà discutere all’infinito! Freddo e calcolatore, non ha slanci di sentimenti. Se provi a sovvertire un suo programma, sei spacciata. La soluzione? Evitare di contraddirlo; una donna imperfetta sarà soggetta a continue critiche.

Di chi fidarsi allora? L’uomo ideale non esiste. Il segreto sta nel trovare quello che coniuga con amore tre parole: rispetto, volontà, tenerezza. Se riscontrate una sola di queste qualità nel mondo maschile, care donne, siete sula buona strada per essere felici.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *