0

Donne più multitasking degli uomini. Merito degli ormoni

0
0


Rispondere al telefono mentre si sta lavorando o anche tenere in braccio un bambino mentre si cucina. In una sola parola multitasking. Ebbene sì, le donne sono più multitasking degli uomini, sono in grado di fare più cose contemporaneamente e a confermare, ancora una volta, questa particolare abilità del gentil sesso c’è uno studio svizzero.

Diversi studi scientifici negli anni avevano evidenziato la capacità delle donne di essere più inclini al multitasking, ma questa nuova ricerca pubblicata su Royal Society Open Science aggiunge agli studi di settore un nuovo tassello. Ci sarebbero, infatti, gli ormoni femminili alla base di un comportamento complesso come può appunto esserlo lo svolgere più attività contemporaneamente.

La ricerca è stata condotta presso l’University Hospital Balgrist di Zurigo ed ha coinvolto 83 volontari sani di età compresa tra i 18 e gli 80 anni. I volontari hanno dovuto sottoporsi ad un test linguistico eseguendo il cosiddetto “Stroop test” che consiste nel pronunciare ad alta voce il nome del colore con cui la parola è scritta. Quindi, inizialmente i partecipanti hanno camminato guardando uno schermo con una semplice croce nera, in un secondo momento sul video è apparso uno stimolo che prevedeva una parola ed un colore congruenti ed infine è giunto un input più complesso in cui parola e colore erano discordanti.

Perché proprio lo Stroop test? Perché è in grado di tenere occupato di più l’emisfero sinistro del cervello, che è anche quello che controlla il movimento dell’arto sul lato opposto del corpo. Quello che è emerso, infatti, è che sia gli uomini, sia le donne in menopausa hanno dimostrato una riduzione nell’oscillazione proprio del braccio destro, una parte del movimento utile a mantenere l’equilibrio.

 

 

Gli estrogeni alla base del multitasking

 

 

Tra tutti i soggetti partecipanti, le uniche persone che hanno dimostrato di non avere problemi sono state le giovani donne, spingendo in questo modo i ricercatori a considerare la presenza degli estrogeni alla base del multitasking. Un’alta concentrazione di questi ormoni avrebbe effetti a livello cognitivo.

Questo il motivo che spiega perché anche le donne dopo la meno pausa, quando la carica ormonale cala, hanno mostrato di avere le stesse difficoltà degli uomini nell’eseguire più attività contemporaneamente.

Anna Peluso Nolana di nascita, romana di adozione. Ingorda di serie TV, discreta lettrice, amante del nuoto. In generale? Ama viaggiare ma i posti che ha conosciuto sono sempre troppo pochi. Sta meglio in acqua che sulla terraferma. Un giorno spera di fare della scrittura il suo lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *