0

“Sottiletta” di Happy Days aveva il cancro: la commozione dei suoi colleghi

0
0


Dieci film e una miriade di serie tv l’hanno vista sotto le luci dei riflettori. Cala il sipario su Erin Moran, la famosa Joanie Cunningham, meglio conosciuta come “sottiletta” in ‘Happy Days’, serie cult degli anni ’70 e ’80. L’attrice è stata trovata morta alla Harrison County, Indiana. A stroncarla pare sia stato il cancro, ormai ad uno stadio avanzato. Si allontanano così le ipotesi di un abuso di alcol e droga (negli scorsi anni, la Moran era stata trovata in possesso di sostanza stupefacenti e cacciata dalla roulotte nella quale viveva, ndr.).

 

 

Joanie Cunningham, ultimo saluto a Erin Moran

 

 

Una chiamata di emergenza al 911 ha allertato i soccorsi per Erin Moran, trovata morta a 56 anni, nel pomeriggio del 22 aprile. L’autopsia ha confermato che, a causare il decesso, sarebbe stato un tumore, ormai arrivato allo stadio terminale.

L’attrice californiana viene salutata sui social media dai compagni di avventura, tra cui l’ex Ricky Cunningham, Ron Howard. Su Twitter Henry Winkler, conosciuto dal mondo come Fonzie di Happy Days, scrive: ”Oh Erin…ora finalmente avrai la pace che hai cercato invano su questa terra”.

Dal 1976 al 1984 Erin ha segnato la celebrità di Happy Days. E’stata l’unica attrice a far parte del cast fino alla fine del girato. Il suo ruolo le è valso anche lo Young Artist Awards 1983, come miglior giovane attrice.

In Italia “Sottiletta” è apparsa l’ultima volta nel programma tv I migiori anni, edizione 2010, raccontando molti aneddoti sul suo personaggio. Il cast della serie tv era famiglia di fatto davanti e dietro la macchina da presa. Dopo due matrimoni, il primo con Rocky Ferguson e il secondo con Steven Fleischmann, Erin era finita in condizioni di grave indigenza economica. Dal 2012 l’attrice viveva in una roulotte dell’Indiana, di proprietà della suocera. A indurla in questo stato è stata la vita di droga e alcol praticata insieme al marito.

Per mettere su soldi, la Moran aveva tentato ulteriori apparizioni tv, compresa la soap Beautiful, ma le cattive abitudini purtroppo non hanno abbandonato l’artista che in età giovanile ha goduto di fama e simpatia del grande pubblico, segnando di fatto la storia della tv americana e non solo.

 

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *