th7J62AIPE
espadrillas-gioiello-oscar-de-la-renta
espadrillas-con-la-zeppa-park-lane-estate-2016-phalbm24818789
espadrillas-con-i-lacci-asos-estate-2016-phalbm24818774
eqzoom85
Chanel-Espadrilles-For-Cruise-2016-Collection-3
504305_fr_xl
9a35722d-ca66-44e2-b6b5-b7797c3a6ec0
Espadrillas_primavera_estate_2016

Espadrillas, ritorna la scarpa in tela e corda

0
0


Corsi e ricorsi della moda. Ritornano le espadrillas, scarpe nate nei Pirenei nel lontano Trecento ed usate dai contadini e pescatori di basso grado. Realizzate con suola di corda arrotolata e tomaia di cotone colorato, sono entrate nelle scarpiere di personaggi altisonanti quali Grace Kelly, Brigitte Bardot, Jackie Kennedy, ma anche Picasso e Salvador Dalì ne erano grandi estimatori.

 

Espadrillas, la moda della semplicità ai piedi

 

Sono ritornate nella stagione 2016 le espadrillas raso terra, cui negli anni ’70, Yves Saint Laurent, in collaborazione con la Castaner, aggiunse zeppa, stampe e tessuti diversi dal cotone, per poi diventare scarpa cult negli anni ’80-’90 da indossare ad esempio con completi Armani. Da allora questo modello di scarpe estive non accenna a tramontare.

Perfette da indossare sin dalla primavera inoltrata, le espadrillas sono state proposte dai guru della moda nella versione classica a modello basso in tela e corda, chiamata in Spagna Alpargatas. Realizzate ancora a mano con le tradizionali strisce di cotone filato artigianalmente e cucite sulla suola in cordura, sono state corredate da lacci e zeppa per le donne più trendy. A mandarle in passerella ci sono Zara, Autre Chose, Chanel, Gucci, Fendi, Jimmy Choo, Valentino. In denim, monocolore, traforate, con gli strass o a stampa, le espadrillas non pongono limite alla creatività.

Perfette sotto i pantaloni modello pescatore o da abbinare con miniabiti e gonnelloni, salopette in jeans, shorts, le espadrillas donano freschezza e brio al look vacanziero e non solo. Comode e leggere da portare, non sono però adatte per l’outfit da lavoro, nè per un appuntamento importante. Data la loro informalità, restano consigliabili soprattutto in spiaggia, dove abbassando il tallone si può trasformarle in ciabatte.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *