Home Attualità Gianni Morandi contro il femminicidio: “E’ ora di chiedere scusa”
0

Gianni Morandi contro il femminicidio: “E’ ora di chiedere scusa”

0
0


RTL 102.5, radio leader nella lotta al femminicidio. Forte del seguito di  oltre 6.900.000 ascoltatori, il radiogiornale lancia la campagna  “è ora di chiedere scusa” . Non solo gli  speaker, ma anche i cantanti del panorama italiano, aderiscono all’iniziativa. Primo tra tutti Gianni Morandi.

 

Rtl e la campagna contro il femminicidio

 

Dalla radio si sente “Ciao, sono Gianni Morandi e a nome di tutti gli uomini voglio chiedere scusa, scusa alle donne vittime di violenza, perché la violenza sulle donne non è normale”.

La campagna contro la violenza sulle donne lanciata col patrocinio della Camera dei Deputati, oltre a Morandi ha visto aderire una cinquantina di artisti come Marco Mengoni, Stadio, Kekko Silvestre, Lukas Graham, Giuliano Sangiorgi e tanti altri ancora.

Ad appoggiare l’iniziativa è subentrata anche la Presidente della Camera, Laura Boldrini, che nella trasmissione radiofonica NonStopNews per appoggiare RTL 102.5, ha invitato tutti gli uomini a chiedere scusa alle donne vittime della violenza. 

Lo slogan della radio è “very normal people” e per sensibilizzare la vera normalità fondata sul rispetto per il gentil sesso, la radio denuncia  gli uomini che usano la violenza fisica e verbale, trasformata spesso in omicidio.

La campagna recita queste parole: “La violenza non è un’espressione dell’amore, non è la manifestazione di amore, la violenza è l’arma che uccide la libertà di una donna di scegliere, scegliere di dire basta!”.

 

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *