0

Hollywood lancia una campagna per difendere il Planned Parenthood

0
0


Tra i primi atti firmati da Donald Trump in veste di presidente degli Stati Uniti c’era anche quello che metteva fine e cominciava a smontare il cosiddetto Obama Care, la legge sulla sanità fortemente voluta dall’ex presidente. A poche settimane dall’insediamento, il tycoon ha poi dato l’ok al taglio dei fondi federali al Planned Parenthood, l’associazione statunitense delle ONG che forniscono assistenza sanitaria (tra cui anche l’aborto).

 

Un modo per rispondere alle minacce di Trump

 

 

Una polemica che non si è mai spenta negli USA e per garantire a tutte le donne il diritto all’interruzione di gravidanza ecco che sono scesi in campo gli artisti della democratica Hollywood, aderendo alla campagna “7-inches for Planned Parentohood” (sì, il nome del collettivo fa proprio riferimento alla tradizione dei sette pollici utilizzati come mezzo di protesta e resistenza) con l’idea di creare un fondo da destinare a quelle stesse ONG che adesso non possono più far affidamento sul governo federale.

John Legend e poi Bjork, ma anche Foo Fighters, Bon Iver, Mary J Blige, Laurie Anderson hanno prestato la loro voce per incidere cover o brani scritti proprio per l’iniziativa, mentre artisti come Shepard Fairey hanno realizzato cover art e illustrazioni. Il tutto farà parte di una sorta di box digitale da scaricare e una pubblicazione in vinile in tiratura limitata. Il 100% dei ricavati andrà al fondo da destinare alle ONG.

Ma com’è nata la collaborazione con gli artisti hollywoodiani? Tutto è partito da Matt Berninger dei The National che, già all’insediamento di Trump, era stato protagonista di un concerto organizzato proprio per sostenere il Planned Parentohood. Da lì, con il manager della band Brandon Reid, si è poi deciso di fare qualcosa che coinvolgesse quanti più artisti possibile, così da arrivare alla massa. La prima a rispondere è stata Bjiork: “Non volevamo fosse una cosa troppo indie-rock” – hanno spiegato Berninger e Reid -. “Una volta avuto il suo sì (Bjiork, ndr), siamo diventati più credibili di fronte ad altri musicisti. Le persone iniziavano a capire che volevamo seriamente fare qualcosa”.

Con il tempo il progetto è diventato qualcosa di più della solita compilation: solo per fare un esempio, proprio il disco che conterrà il pezzo di Bjiork sarà accompagnato anche da una poesia scritta da Margaret Atwood e trasformata in canzone dal compositore Nico Murphy. E poi l’attrice Kristen Stewart che si è prestata alla causa e dirigerà il videoclip per il brano dei Chvurches.

A breve tutti i brani saranno disponibili in digital download per poi passare al pre-order del box in vinile. Un’anteprima del progetto è stata però rilasciata in questi giorni; sul canale Youtube di 7-inches for Planned Parenthood è infatti possibile trovare il primo videoclip dei vari brani. Protagonisti John Legend, St Vincent e Zach Galifianakis che interpretano la loro versione di “Lovin’ You” il famoso brano del 1975 di Minnie Riperton.

7 inches for Planned Parenthood

Anna Peluso Nolana di nascita, romana di adozione. Ingorda di serie TV, discreta lettrice, amante del nuoto. In generale? Ama viaggiare ma i posti che ha conosciuto sono sempre troppo pochi. Sta meglio in acqua che sulla terraferma. Un giorno spera di fare della scrittura il suo lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *