Home Attualità Hozier: un singolo e una candidata all’Oscar contro la violenza domestica
0

Hozier: un singolo e una candidata all’Oscar contro la violenza domestica

0
0


Un calice di vino sorseggiato con il proprio uomo, un abbraccio. Poi, lui che esce e il trucco di lei che si scioglie a scoprire un occhio nero. Così, con le immagini tutt’altro che gridate del video diCherry Wine”, Hozier prova a dare il suo contributo alla lotta contro la violenza domestica.

Con Cherry Wine, ho provato a mostrare come sia difficile accorgersi e affrontare, per risolverle, le dinamiche della violenza domestica e di un rapporto fatto di abusi – avrebbe detto il cantautore irlandese, ospite internazionale del Sanremo appena alle porte- È sempre stato uno dei miei brani preferiti di quest’album (l’omonimo esordio con cui Hozier ha già venduto quasi due milioni di copie in tutto il mondo, ndr) e adesso spero che, attraverso il video, il passaggio in radio, si possano accendere i riflettori su una questione così complessa come gli abusi domestici e, in questo modo, aiutare le vittime”.

 

#FaceUpToDomesticViolence: così i proventi discografici aiutano le vittime di abusi domestici

 

Non a caso con la stessa canzone, rilasciata su iTunes in occasione di San Valentino, Hozier ha aderito a #FaceUpToDomesticViolence, campagna tramite cui numerosi artisti stanno devolvendo i ricavati delle loro vendite a organizzazioni ed enti internazionali che si occupano delle vittime di violenza domestica.

Nel caso di “Cherry Wine” i proventi andranno in particolare a Safe Ireland, una charity irlandese che assiste donne e bambini vittime di abusi domestici. La situazione in Irlanda, infatti, non è migliore che negli altri paesi occidentali: qui una donna su quattro subisce almeno una volta nella vita violenza fisica e sessuale da parte del partner e almeno il 79% di queste decide di non denunciare quanto successo. Un terzo delle irlandesi, poi, secondo lo stesso rapporto sarebbe vittima di gravi forme di violenza psicologica. “ll video della canzone di Hozier –avrebbe detto uno dei responsabili di Safe Ireland-  cattura la complessità della violenza domestica e ci dà idea di quel meccanismo di giustificazioni nei confronti del partner che tiene le persone intrappolate in una cornice di violenza che distrugge l’anima. È solo quando cominciamo a vederla per quello che è che possiamo cominciare ad affrontare nel giusto modo una relazione violenta”.

Da qui la necessità di alzare la voce e di coinvolgere nella lotta contro la violenza domestica anche artisti e personaggi famosi. Per questo Hozier non ha potuto fare a meno di dirsi grato nei confronti di Saoirse Roman (candidata all’Oscar come attrice protagonista per “Brooklyn”, ndr) e Moe Dunfurd per aver dato volto ai protagonisti di “Cherry Wine” e della regista Dearbhla Walsh per averlo aiutato nella sua missione contro la violenza domestica.

Virginia Dara Siciliana di nascita, milanese e ora un po' romana di adozione. Le piace pensare di essere i libri che ha letto, la musica che ha ascoltato, i posti in cui ha vissuto, le persone che ha incontrato. Blogger da sempre e da anni collaboratrice freelance presso diverse testate online. Crede profondamente nel potere curativo della scrittura (e spera di poterne anche vivere!).

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *