0

In Egitto 8 presentatrici TV sono state sospese perché in sovrappeso

0
0


Sospese perché ritenute in sovrappeso. Questa volta non siamo in Italia, dove è bastato il caso delle “Cicciottelle” (le arciere delle nazionale italiana ai Giochi Olimpici di Rio, ndr) sbattute in prima pagina da un titolo offensivo riportato dal Qs-Quotidiano sportivo per dare vita ad una protesta che ha poi portato alla sospensione del giornalista che ha creato il titolo, ma in Egitto dove la TV di stato ha deciso di sospendere otto delle sue presentatrici invitandole a perdere peso e a seguire una dieta più adeguata per poter ritornare di fronte alle telecamere. La Ertu, ovvero la versione egiziana della nostrana Rai, ha concesso alle presentatrici un mese di tempo per poter dimagrire e presentarsi con un aspetto più appropriato per poter nuovamente ricomparire in video. A diffondere la notizia è stato il sito web egiziano Al-Yawm al Sabi. La decisione ha scatenato molte polemiche ed ha coinvolto anche le associazioni per i diritti delle donne. Una discussione che è persino arrivata nelle aule parlamentari dove le presentatrici sono state ampiamente difese e si è discusso su quale debba essere il peso ideale.

 

 

 Una donna a capo della TV di Stato

 

 

Di tutta questa storia quello che sembra far più riflettere è il fatto che a capo della TV di Stato egiziana ci sia proprio una donna, Safaa Hegazy, anche lei ex conduttrice televisiva. Tra le presentatrici colpite dalle nuove disposizioni c’è anche Khadija Khattab, famosa anchorwoman di Canale 2 che si è detta molto meravigliata per questa presa di posizione da parte dell’azienda, del resto il pubblico dovrebbe giudicare il suo lavoro di conduttrice-giornalista e non di certo il suo aspetto. Dalla parte delle presentatrici si è schierato il Centro per la guida e la consapevolezza legale delle donne secondo cui questo nuovo provvedimento “vìola la Costituzione” e rappresenta una vera e propria forma di violenza sulle donne. Intanto la vicenda è sbarcata sui social network: qui gli utenti si sono divisi tra chi è sostegno delle otto presentatrici e chi invece non ha trattenuto commenti sessisti, tanto da utilizzare “bakabouzas” termine poco gentile con il quale ci si riferisce alle donne in sovrappeso.

Anna Peluso Nolana di nascita, romana di adozione. Ingorda di serie TV, discreta lettrice, amante del nuoto. In generale? Ama viaggiare ma i posti che ha conosciuto sono sempre troppo pochi. Sta meglio in acqua che sulla terraferma. Un giorno spera di fare della scrittura il suo lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *