0

‘Je suis cicciottello’: l’accusa a Guendalina Sartori lancia lo stato Facebook

0
0


Guendalina Sartori affronta i pregiudizi sulle “cicciottelle”. L’arciera padovana, additata tra le azzurre per il suo peso, nell’infelice titolo del Qs Quotidiano Sportivo (costato la rimozione al direttore Giuseppe Tassi), ha palesato il suo pensiero sulla vicenda, postando un commento su Facebook.

 

 

Guendalina Sartori e la rivolta delle cicciottelle

 

Un’atleta non va giudicata dal suo peso. A ribadirlo è l’arciera Guendalina Sartori che in un video sui social evidenzia i pregiudizi dei media verso le atlete.

In un filmato si mostra come le sportive olimpiche vengano descritte in base non all’aspetto agonistico, ma in virtù del look o dei vestiti indossati: “Non credo ci siano altre cose da aggiungere dopo la visione di questo video” scrive la Sartori, senza riferimenti diretti alle offese ricevute durante titolo di Qs.

A seguirla a ruota con una presa di posizione più forte è l’altra arciera del terzetto, Claudia Mandia che sulla sua immagine di profilo ha dato il via ad un vero e proprio tormentone, usando lo stato con ‘Je suis cicciottello’. Lo sport sostiene le curve e bandisce ogni discriminazione sulle curve fisiche!

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *