0

Jeans: tutti i trend per il prossimo autunno

0
0

fashionable clothes. pile of jeans on a wooden background

fashionable clothes. pile of jeans on a wooden background

Non conosce anni, mode o stagioni. Cambiano le linee, le fantasie e i colori, ma il jeans è l’unico vero evergreen in fatto d’abbigliamento. Pratico, versatile e declinabile sia in chiave casual che più elegante, il jeans non conosce crisi e in ogni stagione è possibile trovare sempre modelli  per tutti i gusti. Anche nella stagione autunnale, ormai – aihmè – alle porte, i pantaloni di tessuto’strong’ saranno l’elemento di punta della maggior parte delle collezioni. Quali sono però quelli giusti per ogni corporatura e quelli invece da evitare?

 

Skinny, “ a zampa” o destroyed: quali sono i jeans che fanno per te?

 

 

L’unica vera regola in fatto di jeans è quella di individuare un modello che vi faccia sentire a vostro agio, valorizzi la silhouette e minimizzi i punti critici. Detta così sembra la ricetta di un miracolo, ma è più semplice di quello che sembra, basta solo non ostinarsi ad indossare modelli che non vi stanno bene e adattare invece il jeans all’occasione giusta.

Skinny: il modello stretto a sigaretta è tornato in auge qualche stagione fa, monopolizzando completamente le collezioni. Si andava da quelli skinny a quelli ultra skinny, che sembravano quasi una seconda pelle. Da un paio di stagioni a questa parte però, se è vero che modelli del genere non sono definitivamente tramontati è altrettanto vero che hanno subito un restyling: dai modelli ultra stretti si è passati a linee più morbide, che seguono naturalmente le curve del corpo. A chi stanno bene? Indubbiamente alle ragazze alte e magre, ma anche a coloro che sono più minute, purché dal fisico asciutto. Questo modello infatti, non valorizza particolarmente le ragazze curvy, soprattutto se i punti deboli sono punto vita e cosce. Lo skinny jeans può essere abbinato con una scarpa sportiva e una felpa di giorno, ma anche con tacco a spillo, blusa e giacchina più elegante se desiderate indossare il denim anche per occasioni più mondane.

Flare: altrimenti detto “a zampa”. Tipico degli anni 70, poi ripreso nei primi anni duemila e ora di nuovo in auge da questa primavera, il modello flare resta di gran tendenza anche questo autunno. Al contrario dei modelli skinny, quelli a “zampa” tendono ad accorciare ancora di più le ragazze che già non brillano in altezza, mentre invece sono il capo giusto per chi ha qualche kg in più, poiché fasciano in maniera morbida la figura senza “strizzarla”. Se vi piace il look figlia dei fiori potete abbinarli ad una camicetta o un pullover, mentre se invece vi piacciono i contrasti largo a topo con inserti e applicazioni preziose. Poiché gli anni 70 sono superati da un pezzo, da evitare la combo pantalone flare e scarpa bassa o mocassino.

Bleached jeans:  il modello “candeggiato” ovvero con la parte centrale schiarita si può trovare sia con la linea skinny che flare. Il trucco per indossare questi particolari modelli è adeguare la parte superiore per creare un gioco di equilibrio e contrasti di colori e tessuti.  Ad esempio, se  il jeans è scuro, per richiamare il chiaro potete indossare una camicia bianca o azzurro chiaro oppure una blusa di seta se si tratta di un’occasione serale. Viceversa se invece il jeans è chiaro, la schiaritura centrale lo farà risultare ancora più chiaro, quindi la parte superiore deve essere d’effetto o rischiate di avere un aspetto trasandato e noioso.

Destroyed: chiude la nostra carrellata di jeans il modello strappato. Strizza l’occhio agli ambienti rock e vivacizza immediatamente tutta la figura. Da evitare nei luoghi di lavoro, soprattutto in ufficio e ancor più se il modello è particolarmente “distrutto”. Ottimo invece come capo casual e per una serata speciale. Anche qui giocate sui contrasti per stupire. Indossate un jeans strappato con una camicetta bon ton o con una blusa basica e abbinate gioielli e scarpe in colori che contrastino col denim.  Se la gamba è magra osate con uno stivaletto se volete un effetto rock, viceversa tenetevi sul classico e affidatevi a sneakers o pump.

Martina Mattone Ha più di vent’anni, ma meno di trenta. Laureata in Lettere e specializzanda in filologia moderna è appassionata di moda e bellezza. Intollerante al lattosio e al genere umano (anche se a volte cade in tentazione e coglie il lato romantico delle cose). Crede fermamente nella vita e nel fatto che, come successo a Cenerentola, un paio di scarpe possano cambiartela.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *