0

La danza in fascia: l’estensione del “babywearing” che rimette in forma dopo il parto

0
0


Unire la passione per la danza con la possibilità di rimettersi in forma dopo il parto, questo l’obbiettivo della danza in fascia, nuova estensione del “babywearing”. E così grazie ad una semplice fascia per bambini, a trama diagonale, elastica o rigida, le neo mamme hanno la possibilità di danzare con i propri piccoli stretti sul cuore o sulle spalle e fino a quando propri i più piccoli decidano di collaborare. Una disciplina che sta prendendo molto piede tra Torino e Asti, dove molte mamme hanno deciso di seguire gli insegnamenti della maestra Alena Alessandro Zo, ballerina professionista che ha fatto della danza a fascia il suo nuovo mestiere: “Con la gravidanza mi sono avvicinata al babywearing per stare a contatto con il piccolo e calmarlo, coccolarlo, nutrirlo della vicinanza di cui ha bisogno. Poi ho pensato che il mio bimbo,dopo aver danzato con me nel pancione, avrebbe potuto farlo ancora con me, sul cuore”. Così è nata la danza a fascia che oggi ha reclutato un folto numero seguaci che, grazie alla pagina Facebook fondata da Elena, è destino a crescere.

 

Benefici per madre e figlio

 

La danza a fascia ha come elemento centrale proprio la fascia per bambini e proprio la scelta di quest’ultima è un passo importante: “Elastica o in cotone, lana, lino o addirittura seta – spiega Elena -. Le meno esperte possono anche usare marsupi ergonomici o i cosiddetti Mei tai”. Diverse anche le legature che si possono fare; sul davanti o dietro, per esempio, ma in questo caso tutto dipende dall’età del bambino. La danza in fascia, inoltre, porta con sé diversi benefici tanto per le mamme quanto per i più piccoli; le mamma, infatti, oltre ad avere le mani libere e poter imparare a riconoscere meglio i bisogni del suo piccolo, trovano una corretta posizione del corpo e della schiena. Mentre i piccoli hanno la possibilità di sviluppare meglio l’equilibrio imparando a coordinarsi.

Anna Peluso Nolana di nascita, romana di adozione. Ingorda di serie TV, discreta lettrice, amante del nuoto. In generale? Ama viaggiare ma i posti che ha conosciuto sono sempre troppo pochi. Sta meglio in acqua che sulla terraferma. Un giorno spera di fare della scrittura il suo lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *