Home Cultura “La Parrucchiera”, un film sulla Napoli delle donne
0

“La Parrucchiera”, un film sulla Napoli delle donne

0
0


E’ attesa per l’anteprima napoletana del nuovo film di Stefano Incerti, ‘La Parrucchiera’, con un cast di attori partenopei di gran calibro quali Massimiliano Gallo, Pina Turco, Cristina Donadio, Tony Tammaro, Luciana De Falco, Stefania Zambrano, Arturo Muselli, Francesco Borragine, Giorgio Pinto.

La pellicola, in uscita giovedì 6 aprile 2017, sarà presentata al Modernissimo di Napoli. Regista e attori incontreranno il grande pubblico svelando aneddoti e curiosità sul film.

 

 

La Parrucchiera, una pellicola pop che parla di donne

 

 

Nella sceneggiatura, simpatia e colore descrivono una Napoli di periferia in cui le donne cercano di farsi strada in un mondo di emarginati. A ritmo delle coinvolgenti canzoni dei Foja, gruppo folk partenopeo, si avvicendano scene di rivalità tra due donne. Patrizia, co-proprietaria di un negozio di parrucchiere con marito viscido e Rosa, mamma single dei quartieri spagnoli che cerca di aprire un salone tutto suo insieme alle due amiche del cuore, si incontrano-scontrano a colpi di spazzola e stratagemmi per attirare la clientela.

La leggerezza del girato controcorrente prodotto dalla Stella Film, offre grazie all’interpretazione di attori esperti, uno spaccato sulla diversità di genere visibile nella sua pienezza solo a Napoli. Stefano Incerti a tal proposito dichiara: “La parrucchiera è un film molto diverso nel tono e nella forma, ma mi riconosco nel contenuto che parla di persone sotto pressione, che hanno problemi. La musica è l’altro personaggio della pellicola: ci sono i Foja, Tony Tammaro che canta in un film ambientato in una zona da paramusical, analizzata con la leggerezza che la rende un po’ più magica”.

Il film, introdotto il 4 aprile da un party esclusivo al cinema Hart di via Crispi, descrive la femminilità partenopea a 360 gradi, compresa quella transgender sviscerata tra amori e lavoro. Giorgio Pinto, protagonista di questo specifico spaccato della pellicola, dichiara: “Nel film esce fuori l’unione di un clan dei buoni sentimenti tutto al femminile. C’è la descrizione di una Napoli positiva”.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *