0

Laura Boldrini ad Amatrice: “Faremo ricostruire tutto dov’era”

0
0


Un mese dal tragico terremoto di Amatrice. Le vittime aumentano e arrivano a quota 298; intanto la presidente della Camera Laura Boldrini si reca sul luogo del disastro per la cerimonia in ricordo delle vittime del sisma.

 

 

La Boldrini sulle zone del sisma

 

 

Il 24 agosto scorso Amatrice, Accumoli, Arquata e Pescara del Tronto sono diventate “città di cartone”. Le scosse di terremoto hanno portato via con sè la normalità di quei paesi e dei loro abitanti. Per ridare alla collettività l’idea di speranza, Laura Boldrini si è recata ad Arquata ed ha assistito personalmente al battesimo di una bimba, Alessia.

Mentre è in atto lo smantellamento della tendopoli, il vescovo di Rieti, mons. Domenico Pompili, approfitta della presenza della Boldrini e ribadisce: Le istituzioni ci hanno assicurato che questi luoghi torneranno a vivere come e meglio di prima. Ce la faremo? Questa è la domanda che serpeggia nell’animo di tutti i sopravvissuti. Questi luoghi che già hanno conosciuto l’abbandono, non meritano il deserto”.

Intanto le anziane di Arquata si rivolgono confidenzialmente a Laura: ”Non ci abbandonate, non vogliamo lasciare la nostra terra”. La presidente allora risponde loro: ”L’impegno è quello. La proiezione è di far ricostruire tutto dov’era. Grazie ai soccorritori per tutto quello che avete fatto, e che fate ancora”. Dopo i saluti del caso, la Boldrini invita i terremotati al concerto di Natale che si terrà a Montecitorio in onore della vittime del sisma.

In un’intera giornata, la prima donna della politica italiana ha varcato la porta del centro storico di Amatrice, ha pranzato nella tendopoli, per poi recarsi ad Accumuli. Il 24 settembre della Boldrini è stato all’insegna della solidarietà; vero è che, secondo la Protezione civile, sono scese a 2.527 le persone assistite nei campi e nelle strutture allestite allo scopo o presso gli alberghi.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *