0

Le 10 canzoni da workout per allenarsi al meglio

0
0


Spotify, come ogni anno, ha stilato una playlist da workout per i suoi 25 milioni di utenti. Dieci brani scelti dal colosso della musica streaming e ascoltati dagli utenti durante le sessioni di allenamenti. Al numero uno in classifica, per il secondo anno consecutivo, si trova Eminem, il rapper di Detroit che è tornato con un nuovo album dopo 4 anni di assenza dalle scene.

 

 

Classifica globale e ritmo italiano

 

 

Non solo sulle note del rap di Eminem (che in classifica lo si ritrova alla prima e terza posizione rispettivamente con Till I Collapse e Lose Yourself, brani entrambi del 2002). Nella classifica Spotify c’è spazio anche per artisti più giovani ed emergenti come Post Malone, Camila Cabello e Dua Lipa che troviamo in seconda, settima e nona posizione. Nella playlist da workout sono stati inseriti anche: Kendrick Lamar con Humble (numero 4),  Axwell Ʌ Ingrosso -More Than You Know (numero 5), J Balvin feat. Beyoncé – Mi Gente (6), Jax Jones – You Don’t Know Me Radio Edit (8) e, a chiudere la classifica, c’è il neopapà Kanye West con Power.

E l’Italia? Gli italiani sono in linea con il resto del mondo e si lasciano trascinare anche loro dai ritmi di Eminem e co. durante gli allenamenti. Rispetto al resto degli utenti globali, però, la classifica nostrana pensata da Spotify presenta delle differenze, includendo delle canzoni che nel nostro paese sono comunemente riconosciute come motivazionali in palestra, su tutte c’è, per esempio, Eye of the Tiger dei Survivor, brano degli anni Ottanta e diventato famoso con il film Rocky III di cui ne fa da colonna sonora. Altri artisti inclusi sono Sean Paul, Avicii, Jay Z e Ofenbach. Playlist alla mano, non ci sono più scuse, bisogna solo alzare il volume e dare inizio agli allenamenti anche per riprendersi dalle abbuffate delle feste.

Anna Peluso Nolana di nascita, romana di adozione. Ingorda di serie TV, discreta lettrice, amante del nuoto. In generale? Ama viaggiare ma i posti che ha conosciuto sono sempre troppo pochi. Sta meglio in acqua che sulla terraferma. Un giorno spera di fare della scrittura il suo lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *