Home Attualità Le Pari Opportunità servono ancora? Dibattito aperto tra i commercialisti
0

Le Pari Opportunità servono ancora? Dibattito aperto tra i commercialisti

0
0


I commercialisti napoletani si sono dati appuntamento al Palazzo delle Arti per fare il punto della situazione sulle Pari Opportunità. All’incontro, che si inserisce nell’ambito di “Je sto vicino a te”, la kermesse del Marzo Donna organizzata dal Comune, hanno preso parte i Comitati Pari Opportunità dell’Ordine dei Commercialisti e degli Avvocati.

 

Pari Opportunità: le posizioni dei presenti

 

“Con la forza delle donne si può”: questo il titolo della tavola rotonda, che ha visto alternarsi esponenti del mondo professionale e responsabili del terzo settore. Tra questi, il Presidente dei Dottori Commercialisti di Napoli Vincenzo Moretta, secondo cui oggi il concetto di parità di genere, per la sua esperienza personale con l’Ordine napoletano di sua competenza, è superato: “Non sono per l’evidenziazione del ruolo della donna” – ha esordito –“Ritengo che, al giorno d’oggi, ci siano soprattutto altre disuguaglianze su cui soffermarsi: penso alle disuguaglianze in campo medico, penso ai giovani. Noi come Ordine dei Dottori Commercialisti di Napoli abbiamo già lavorato nella direzione femminile, dando piena fiducia alle donne, ritenendo che esse svolgano perfettamente il proprio lavoro”.

Parole su cui le professioniste presenti hanno provato a fare ulteriore chiarezza: “Il Presidente non sente questa necessità perché nel nostro Consiglio dell’Ordine di Napoli c’è una forte presenza femminile in organico rispetto ad altri Ordini dei Commercialisti e ad altri Ordini Professionali e c’è una grande apertura dell’intero Consiglio dell’Ordine ad iniziative a favore delle Donne Commercialiste” – ha spiegato Amelia Scotti, presidente del Comitato PO –“Ma questo non significa che si sia raggiunta la parità di genere nelle Professioni e anche tra i Commercialisti, purtroppo, c’è un disavanzo: ad esempio il Consiglio del neo costituito Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli Nord è composto da soli uomini. Le nostre iniziative sono volte a sensibilizzare la nostra e le altre categorie professionali sull’importanza della condivisione del lavoro: lavorando assieme, uomini e donne, si lavora meglio, e tutto ciò che oggi non funziona bene potrebbe invece funzionare meglio se ci fosse una maggiore partecipazione femminile”. Dello stesso avviso, anche la consigliera comunale delegata alle Pari Opportunità, Simona Marino: “Non è affatto un argomento superato ma, anzi, sempre più urgente” – ha detto –“Di certo abbiamo fatto passi da gigante e, magari, non ci sono discriminazioni palesi. Ciò non toglie che la nostra resti una società guidata da uomini: basti pensare alla politica ma anche alle Università o ai consigli di amministrazione. Quindi, c ‘è senza dubbio ancora il problema del ‘tetto di cristallo’”. “La donna deve conciliare lavoro e professione, occupandosi anche della casa e della famiglia” – ha concluso Liliana Speranza, consigliera dell’Ordine dei Commercialisti –“Questo ha un costo, in termini di organizzazione, ed è vero che nella nostra professione le donne non si propongono, a volte, perché non hanno tempo di seguire i clienti: il privato, dunque, diventa un ostacolo al decollo della professione”.

Ornella d'Anna Giornalista con un’insana passione per carta e penna, racchiude in sé tutte le contraddizioni delle donne: precisina e decisamente impulsiva, sa essere anche dolce (sforzandosi); a volte le piacerebbe tornare ai 15 anni, poi si guarda attorno e si scopre molto innamorata di ciò che ha: un marito stupendo, una figlia da strapazzare di baci e una famiglia fortissima. Adora le sue due gatte, i tramonti greci e la pasta poco cotta… ma odia le “minestre riscaldate”.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *