0

#Lottomarzo cambia volto: non più festa ma protesta

0
0


Nella Giornata internazionale delle donne in più di 40 paesi in tutto il mondo le donne scendono in piazza per chiedere maggiore uguaglianza, migliore accesso all’interruzione di gravidanza e politiche eque per i migranti.

L’8 marzo cambia volto: non più la festa delle donne, ma la protesta. Con lo sciopero di oggi, infatti, organizzato da Women’s March (l’organizzazione responsabile della protesta che si è tenuta lo scorso 21 marzo la più imponente contro un presidente statunitense) sono oltre 40 i paesi che scelgono di astenersi dal lavoro, sia in ufficio che in casa e dagli acquisti, per evidenziare il valore delle donne sia come lavoratrici che consumatrici. Modalità diverse di manifestazione dei 40 paesi ma di base c’è la necessità di far tornare l’8 marzo ad un momento di mobilitazione, chiedendo maggiore uguaglianza tra uomini e donne su questioni ancora irrisolte, come la parità salariale, e migliore l’accesso ai servizi sanitari che permettono l’interruzione di gravidanza.

 

In Italia la protesta con la Rete “Non una di meno”

 

 

In Italia lotto marzo è stato promosso soprattutto dalla Rete Non una di meno, che sul proprio sito ha condiviso un vademecum per la giornata con 8 buoni motivi per aderire alla protesta, tra cui “distruggere la cultura della violenza attraverso la formazione” riferimento ovviamente alla violenza di genere, ma anche “vogliamo essere libere di muoverci e di restare, contro ogni frontiera” riferimento questo invece alla condizione dei migranti, soprattutto donne.

Il tema principale su cui si terrà oggi lo sciopero riguarda la violenza sulle donne, ma non solo; Milano, Torino, Firenze le manifestazioni per la giornata di oggi sono previste su tutto il territorio nazionale. A Roma, tra i vari appuntamenti della giornata, è previsto anche un corteo che partirà alle 17:00 dal Colosseo. Come in tutte le manifestazioni di Non una di meno, i colori della giornata saranno il nero e il fucsia e come simbolo la matrioska.

Anna Peluso Nolana di nascita, romana di adozione. Ingorda di serie TV, discreta lettrice, amante del nuoto. In generale? Ama viaggiare ma i posti che ha conosciuto sono sempre troppo pochi. Sta meglio in acqua che sulla terraferma. Un giorno spera di fare della scrittura il suo lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *