0

Marta Abba e le lettere scritte a Pirandello

0
0


Marta Abba è donna poco nota ai più, ma vicina al nostro ben più rinomato Pirandello. Circa trecento lettere originali di Marta, scritte nell’arco di un decennio, dal 1926 al 1936, a Luigi Pirandello, sono state donate dalla nipote dell’attrice scomparsa nel 1988, all’Istituto di studi pirandelliani e sul teatro contemporaneo, con sede nella Casa museo dello scrittore a Roma.

 

Marta Abba e l’epistolario per Pirandello

 

 

Finalmente nella casa in cui Pirandello visse gli ultimi anni della sua vita, ritornano le lettere scritte da Marta al letterato. Al momento della morte di Luigi, avvenuta il 10 dicembre 1936, le epistole erano nella sua abitazione. Dopo il decesso dello scrittore, Marta chiese che le fossero restituite. Le lettere pubblicate quasi tutte nel 1994 a cura di Pietro Frassica, testimoniano il rapporto esistente tra Pirandello e la signora Abba.

Marta Abba e Pirandello si conobbero nel 1925, quando la donna divenne prima attrice del Teatro d’Arte da lui fondato e della Compagnia con cui fece tournées in Italia e all’estero. Spesso interpretò ruoli scritti da Luigi proprio per la sua persona. Quando si conobbero, Marta aveva 24 anni, Luigi 57. I due si frequentavano intensamente, tanto che molti credono tra i due sia nato un rapporto d’amore platonico. La collaborazione artistica destò in Marta ammirazione per il sui maestro, come trapela dalle lettere, ed era ricambiata da Pirandello: ”Ah, Marta mia, per seguitare a lavorare come sto lavorando, bisogna ch’io pensi assolutamente che Tu sei sempre la stessa per me…scrivimi, fatti viva, ho tutta la mia vita in Te, la mia arte sei Tu; senza il Tuo respiro muore”.

I due si scrissero tanto e Pirandello nella sua vita itinerante, portò sempre con sè le lettere di Marta, conservandole con cura. Le epistole si aggiungono ora al ricco archivio della Casa museo di Pirandello, rimasta intatta e visitabile tutte le mattine.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *