0

Nasce la “pizza petalosa” dedicata alle donne

0
0


A Modena viene sfornata la prima ‘pizza petalosa 100% italiana’. L’idea nasce per festeggiare la decisione italiana di candidare la pizza a patrimonio immateriale dell’Unesco. La nuova versione dell’alimento più amato al mondo è dedicata alla donna e realizzata con fiori commestibili: viola del pensiero, viola cornuta, bocca di leone, calendula.

 

Pizza petalosa: Coldiretti reinventa un alimento ‘cult’

 

Realizzata con tutti ingredienti italiani, la Colrdiretti, nell’area di Campagna Amica alla rassegna “Verdi Passioni” di ModenaFiere, presenta una  ‘pizza di primavera’ dedicata al gentil sesso. Ideata da due donne,  le ‘agrichef’ Stefania Nobili di Pavullo nel Frignano (Modena) e Nazzarena Ferretti di Reggio Emilia, la pizza con i fiori è già un ‘cult’.

L’iniziativa della Coldiretti avviene nel corso della mobilitazione straordinaria per valutare l’ingresso della pizza nella Lista Unesco del patrimonio culturale immateriale dell’umanità: “L’impegno degli agricoltori a sostegno della candidatura della pizza  è volto a garantire l’originalità Made in Italy degli ingredienti utilizzati. Oggi in Italia quasi due pizze su tre (63%), secondo una indagine Coldiretti sono ottenute da un mix di farina, pomodoro, mozzarelle e olio provenienti da migliaia di chilometri di distanza senza alcuna indicazione per i consumatori”.

Anche la pizza, ‘tesoro’ tutto italiano, subisce un restyling e si colora di fiori per inneggiare alla bellezza femminile, altro vanto del nostro Paese, che si spera permetterà a questa pietanza l’iscrizione nell’elenco rappresentativo del patrimonio culturale immateriale dell’Unesco.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *