Home Attualità Nove anni, giornalista per passione: non le manda a dire a chi vorrebbe giocasse con le bambole
0

Nove anni, giornalista per passione: non le manda a dire a chi vorrebbe giocasse con le bambole

0
0


Hilde ha nove anni e le idee molto chiare: da grande vuole fare la giornalista, una di quelle che seguono le notizie sul campo e non stanno ad aspettare i take di agenzia. Per questo, già da due anni, gestisce un sito d’informazione locale (l’Orange Street News, ndr) con tanto di annessa edizione cartacea. Della giornalista non le mancano certo neanche il piglio critico e quel certo savoir faire che servono a gestire le polemiche.

Qualche giorno fa, infatti, grazie a una soffiata della polizia locale Hilde è venuta a conoscenza di un omicidio che si stava consumando a Selinsgrove, nord Pennsylvania, poco lontano da dove abita. Così, come ogni reporter che si rispetti, è corsa sul luogo del delitto per raccogliere informazioni, sentire testimoni, fare riprese per il suo canale Youtube. Il risultato? Un forte anticipo sui tempi degli altri giornali locali, un approfondito servizio con tanto di interviste dei vicini di casa e stand up dal posto. Tutto in regola sul piano della pratica giornalistica. Ma la prontezza della piccola Hilde non deve essere piaciuta a concittadini e colleghi, tanto che la pagina Facebook e i canali social del progetto di Hilde sono stati sommersi di commenti indignati. “Dovresti giocare con le bambole”, “Dove sono finiti i finti tè?”, “Cos’hai di sbagliato?”: questi i toni delle accuse rivolte alla piccola giornalista che, dando prova di un autocontrollo e di una capacità di gestire le ‘crisi’ invidiabili per i suoi colleghi più grandi e navigati, ha deciso di rispondere con un video postato su YouTube e diventato virale in poche ore.

“Troppo carina per fare informazione? Staccati dal computer e scendi tu in strada!”

 

So che metto a disagio alcuni di voi: vorreste che io stia seduta in silenzio solo perché ho nove anni”, dice la bambina che ribadisce anche di non aver nulla da cui difendersi, avendo solo approfittato di uno scoop come avrebbe fatto qualsiasi altro giornalista. Il commento più duro? La piccola Hilde lo riserva a chi con non troppo velati giochi di parole le ha ricordato di essere troppo carina per ridursi a questo: “se vuoi che smetta di coprire le notizie, perché non ti togli dal computer e vai tu a fare informazione?! Ora sono abbastanza carina per te?” , ha chiosato in barba ai suoi nove anni e a tutti quelli che provano a zittirla.

Virginia Dara Siciliana di nascita, milanese e ora un po' romana di adozione. Le piace pensare di essere i libri che ha letto, la musica che ha ascoltato, i posti in cui ha vissuto, le persone che ha incontrato. Blogger da sempre e da anni collaboratrice freelance presso diverse testate online. Crede profondamente nel potere curativo della scrittura (e spera di poterne anche vivere!).

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *