Home Attualità #paroledamore, dal web una campagna per combattere la cultura sessista
0

#paroledamore, dal web una campagna per combattere la cultura sessista

0
0


“Sembri proprio una principessa”, “Comportati da femminuccia” o “Non sei ancora fidanzata?”, “Non vuoi figli?”. Frasi che sentiamo e usiamo quotidianamente, luoghi comuni che non fanno altro che descrivere la concezione che la società ha della donna. Frasi che sono state raccolte dal fotografo Piero Baroni e da Luz per dare vita alla campagna #paroledamore. Un progetto nato per sensibilizzare l’opinione pubblica, perché se ne parla spesso,  si fanno proposte di legge ma quanti sono veramente in grado di riconoscere un atto di sessismo quando succede?

E allora la call to action non poteva che essere “Ditelo anche voi, per non sentirlo più”. Un modo, attraverso il video, di educare alla cultura del rispetto e dell’uguaglianza: “È arrivato il momento che donne e uomini lottino insieme contro la cultura sessista – ha commentato Baroni –. Ogni giorno noi di LUZ raccontiamo storie di guerre, di violenze sociali, di violenze fisiche: queste storie trovano facilmente più visibilità della violenza delle parole che nel nostro quotidiano noi tutti dobbiamo subire. E che possono avere comunque effetti devastanti, come la recente cronaca dimostra”.

 

 

“Ai pensieri seguono le azioni”

 

 

Un video che in poco più di due minuti racconta la quotidianità. Voci raccolte dal web stesso, dove Baroni ha chiesto e segnato le frasi di uso comune che però risultano più offensive, in grado solo di sminuire, discriminare e racchiudere le donne in un universo di pregiudizi. A prestare il volto all’iniziativa ci sono donne, uomini, bambini e anziani perché per imparare non è mai troppo tardi o troppo presto. Un modo quindi per capire e riconoscere il sessismo, cominciando proprio dalla base, imparando a cambiare i nostri pensieri. Perché “Ai pensieri seguono le azioni” e magari cambiando il modo di pensare si potrebbe evitare anche quel “Lasciami e ti ammazzo” che troppe donne si sentono dire.

Anna Peluso Nolana di nascita, romana di adozione. Ingorda di serie TV, discreta lettrice, amante del nuoto. In generale? Ama viaggiare ma i posti che ha conosciuto sono sempre troppo pochi. Sta meglio in acqua che sulla terraferma. Un giorno spera di fare della scrittura il suo lavoro.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *