Home Eventi ‘Passi di libertà’: Montecorvino denuncia la violenza di genere in musica
0

‘Passi di libertà’: Montecorvino denuncia la violenza di genere in musica

0
0


Artisti partenopei a sostegno della causa della violenza sulle donne. Claudio e Diana, esperti e acclarati musicisti della posteggia napoletana, denunciano in musica i soprusi sul sesso femminile. ‘Amaro è o’ bene‘, nota canzone di Sergio Bruni, diventa strumento di sensibilizzazione per le nuove generazioni. Il duo artistico incontra oggi, alle ore 15.00, gli alunni dell’Istituto comprensivo di Montecorvino Pugliano, durante la manifestazione ‘Passi di libertà’.

 

 

‘Passi di liberta’, incontro in musica con Claudio e Diana

 

 

Le nuove generazioni diventano protagoniste della Giornata internazionale della violenza sulle donne. Nel salernitano la coppia di artisti Claudio e Diana mette a disposizione la propria arte per descrivere l’orrore della violenza di genere: “Ecco una delle cose meravigliose che il nostro mestiere ci regala : poter “mettere” la propria musica a disposizione di una causa importantissima e parlarne con chi questa piaga può e deve rimarginare. Fare insieme si può”.

In questa occasione nazionale l’Istituto Comprensivo di Montecorvino Pugliano (Sa) propone l’iniziativa ‘Passi di libertà’ per continuare a tenere i riflettori accesi su una questione sociale e culturale purtroppo di tragica attualità. Il programma dell’evento prevede l’esposizione dei lavori realizzati dagli alunni della Scuola secondaria di Primo grado e la proiezione con dibattito del video realizzato dagli artisti salernitani Claudio e Diana.

La mostra ‘Passi di libertà’ allestita nei locali dell’Aula Magna dell’Istituto, ha dichiarato il Dirigente scolastico Dott.ssa Flavia Petti, “ha come finalità quella di incrementare lo scambio tra la scuola e il territorio in vista del raggiungimento di un obiettivo comune: la costruzione di una società globale più equa, giusta e solidale”.

Gli alunni di Montecorvino hanno realizzato, guidati dai docenti, degli elaborati artistici per rappresentare la violazione dei diritti delle donne. Tra le proposte sarà possibile vedere esposto un esempio di yarn bombing (graffiti-maglia) realizzato dalle mamme degli alunni di Montecorvino Pugliano, un tipo di graffitismo o di arte di strada che impiega esposizioni colorate di filati o di fibra lavorati ad uncinetto invece che pittura o gessi.

Il video ‘Amaro è ‘o bene’ di Claudio e Diana racconterà la storia vera di una donna sfuggita ai suoi 6 aguzzini, grazie alla forza di volontà e alla pratica della denuncia di atti di violenza e persecuzione, subiti fin dall’età adolescenziale.

 

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *