0

Per la laurea? Regalati una borsa di studio per una ragazza africana

0
0


Viaggi, gioielli, borse? C’è chi come regalo di laurea preferisce un’altra laurea, quella di una ragazza africana. È questo, infatti, il cuore di “Una laurea per una laurea”, un’iniziativa della Fondazione Rita Levi Montalcini che ha come obiettivo sostenere la formazione superiore delle ragazze svantaggiate dell’Africa.

In molti paesi del continente, infatti, l’accesso all’istruzione e le opportunità formative, già scarse, sono a portata esclusiva dei figli maschi. E anche dove l’istruzione universitaria è pubblica e aperta le famiglie, specie quelle più povere, non riescono ad affrontare i costi legati alle tasse d’iscrizione, il materiale didattico, gli spostamenti da un paese all’altro. E pensare che a fronte degli  8-9mila euro a studente spesi in media in Italia per l’istruzione universitaria (i dati sono di Federconsumatori, ndr), basterebbero 1000 euro all’anno per coprire le intere spese di un’universitaria africana.

Quelle borse di studio che aiutano 700 ragazze africane a raggiungere il sogno di una laurea

 

Per questo “Una Laurea per una Laurea si rivolge a neo-laureati, alle loro famiglie e ai loro amici in occasione dell’esame di laurea – come spiegano dalla Fondazione Rita Levi Montalcini al CorSeraper invitarli a effettuare donazioni per istituire delle borse di studio universitarie destinate a una o più ragazze per l’educazione superiore in Africa”. Si possono scegliere combinazioni diverse, da una donazione minima di 50 euro con cui si contribuisce ad acquistare libri e altro materiale didattico, fino a donazioni più consistenti che coprono tasse e spese d’istruzione. Le cifre raccolte? Oltre alle borse di studio, servono a sostenere programmi e partnership educative con le migliori istituzioni universitarie africane. Già da anni, infatti, la Fondazione Rita Levi-Montalcini Onlus sostiene corsi di laurea in infermieristica, medicina, ginecologia, comunicazione, diritto, agraria, a cui si aggiungono dottorati e corsi post-laurea per oltre 700 beneficiarie.

Sceglier di regalare “Una Laurea per una Laurea”, insomma, non è solo un gesto di solidarietà. È anche un gesto di profondo impegno civile.Offrire a ogni donna tutti gli strumenti per sviluppare pienamente le proprie capacità permettendole di sfuggire alle discriminazioni e di svolgere con dignità il ruolo che le spetta nella società –continuano, infatti, dalla Fondazione- è un modo per supportare lo sviluppo economico, sociale e culturale di questa fetta di mondo”.

Tanti gli atenei italiani che hanno già sostenuto l’iniziativa: dall’Università di Verona a Roma Tre, dalla Bicocca all’Università di Palermo, e la lista è in continua crescita.

 

Virginia Dara Siciliana di nascita, milanese e ora un po' romana di adozione. Le piace pensare di essere i libri che ha letto, la musica che ha ascoltato, i posti in cui ha vissuto, le persone che ha incontrato. Blogger da sempre e da anni collaboratrice freelance presso diverse testate online. Crede profondamente nel potere curativo della scrittura (e spera di poterne anche vivere!).

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *