petaloso 8
petaloso 7
petaloso 6
petaloso 5
petaloso 4
petaloso 3
petaloso 2
petaloso 1
petaloso
petaloso
petaloso
0

Petaloso: così Matteo, 8 anni, convince l’Accademia della Crusca

0
0


Quello che Matteo, 8 anni, alunno di una terza elementare del ferrarese, di certo non poteva immaginare è che sarebbe diventato un piccolo eroe del web grazie a un errore grammaticale. Come ha spiegato la sua maestra in un post su Facebook ormai virale, infatti, “durante un lavoro sugli aggettivi […] ha scritto di un fiore che era «petaloso». La parola, benché inesistente, mi è piaciuta, così ho suggerito di inviarla all’Accademia della Crusca per una valutazione”.

L’istituto fiorentino, dal canto suo, non si è tirato indietro dall’apprezzare lo sforzo creativo del piccolo Matteo, sottolineando in una lettera indirizzata alla scuola di Copparo come petaloso sia “una parola ben formata e potrebbe essere usata in italiano così come sono usate parole formate nello stesso modo: tu hai messo insieme petalo + oso, petaloso, pieno di petali , con tanti petali. Allo stesso modo in italiano ci sono pelo+oso, peloso, pieno di peli, con tanti peli e ancora coraggio+oso, coraggioso, pieno di coraggio”. E se già altre vicende –da selfie eletta parola dell’anno, all’indulgenza su errori tradizionalmente da matita blu- avevano dato prova dell’apertura della Crusca alle evoluzioni della lingua italiana, anche nel caso di petaloso l’Accademia non sembra avere riserve sulla  possibilità di inserirla in dizionario. A patto, certo, che comincino a usarla quante più persone possibile. Come spiegato nella stessa lettera a Matteo e ai suoi compagni, infatti, “perché entri in un vocabolario bisogna che la parola nuova non sia conosciuta e usata solo da chi l’ha inventata, ma che la usino tante persone e tante persone la capiscano. Se riuscirai a diffondere la tua parola tra tante persone e tante parole in Italia cominceranno a dire e a scrivere «com’è petaloso questo fiore!» […] ecco, allora, petaloso sarà diventata una parola dell’italiano e a quel punto chi compila i dizionari inserirà quella parola tra le altre e ne spiegherà il significato”.

 

In Rete è già amore per #petaloso

 

A guardare la reazione della Rete sembra che quel momento non arriverà poi tanto tardi. Centinaia di utenti, infatti, hanno già cominciato a utilizzare l’aggettivo petaloso nei modi più diversi: per descrivere quadri e capolavori del nostro patrimonio artistico, commentare l’arrivo in anticipo della bella stagione con il suo tripudio di fiori petalosi e così via. C’è chi ha cavalcato l’onda per promuovere il proprio brand, chi per cercare appigli con la cronaca più recente (come l’enigmista Bartezzaghi che ha fatto notare come #petaloso arrivi proprio nei giorni dell’addio all’autore de “Il nome della rosa”), chi inevitabilmente per fare polemica (perché allora non mettere in dizionario qualsiasi carina storpiatura del proprio bambino?). Il risultato? È che petaloso è già da questa mattina tra i trending topic e che al piccolo Matteo, intanto, sono giunti gli endorsement di numerose personalità italiane. Da Renzi che ha addirittura ringraziato il piccolo alunno, alla ministra Giannini che ha ricordato il valore della creatività, passando per l’astronauta Luca Parmitano che ha voluto fare un omaggio “spaziale” a petaloso e al suo piccolo inventore.

Virginia Dara Siciliana di nascita, milanese e ora un po' romana di adozione. Le piace pensare di essere i libri che ha letto, la musica che ha ascoltato, i posti in cui ha vissuto, le persone che ha incontrato. Blogger da sempre e da anni collaboratrice freelance presso diverse testate online. Crede profondamente nel potere curativo della scrittura (e spera di poterne anche vivere!).

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *