Piedi da star: i consigli per la pedicure giusta

0
0


Piedi in bella mostra in sandali alla moda e tacchi vertiginosi? La moda d’estate ha un solo dictat: quello della pedicure perfetta! Da un punto di vista psicosomatico, i piedi simboleggiano il modo in cui una donna affronta la vita. Ogni sua parte assume un determinato significato: il tallone indica la solidità delle esperienze apprese nel passato, le dita e il plantare rappresentano il futuro, la caviglia mostra la flessibilità mentale. Per questo, curare la parte estrema del nostro corpo è importante: ecco come fare!

 

Peduluvi, maschere e amore: tutti i segreti per estremità al top

 

Gli uomini li amano e li caricano di sensualità: i piedi nell’immaginario maschile sono un sogno proibito. I sandali estivi li esaltano e rendono ancora più sexy una donna. La base di partenza per avere un piede da star sta nel pediluvio aromatico con miscele di ingredienti organici, scrub e idratante. Sulle unghie è consigliata una base trasparente e riempitiva, in grado di cancellare le irregolarità del letto unghiale. Il rimedio casalingo per realizzare un pediluvio da star consiste nel riempire una bacinella di acqua calda con due cucchiai di bicarbonato di sodio e qualche goccia di olio essenziale, oltre che con un mix di menta e limone in cui immergere per 20 minuti anche le caviglie. I piedi vanno poi massaggiati con sale grosso o bicarbonato e acqua.

Altro punto importante da curare è il tallone. Con la pietra pomice si stimola la circolazione linfatica, levigando la superficie. Quanto allo smalto, vero elemento fashion imprescindibile, si consiglia una versione laccata in gel. Da evitare invece d’estate la texture glitter o opaca. Via libera al colore come rosso aranciato, giallo, turchese e oro e argento. Il primo giorno dopo la pedicure la scarpa sconsigliata da indossare è sicuramente quella a punta che nelle prime 24 ore potrebbe rovinare il lavoro fatto. Se le scarpe da portare sono chiuse, basta un po’ di olio per cuticole sullo smalto asciutto come barriera. Ripassare il top coat sullo smalto anche nei giorni successivi, garantisce invece la sua lunga durata.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *