Primo trapianto di utero negli Usa: una speranza per le donne

0
0


Il trapianto di utero potrebbe dare una grande speranza a quelle donne che si trovino a dover affrontare una sindrome rara come quella della mancanza di questo fondamentale apparato del corpo femminile.
Negli Stati Uniti è stato realizzato il primo intervento di questo tipo, dopo quello svedese, pochi giorni fa alla Cleveland Clinic ed è stato specificato come questo sistema potrebbe essere molto utile, ad esempio, nel caso in cui la donna sia stata sottoposta ad un’isterectomia oppure sia nata senza la presenza dell’utero.

 

Un intervento utile per malattie rare

 

Esiste anche una sindrome per la quale le donne hanno le ovaie funzionanti ma non hanno l’utero: anche in questo caso l’intervento potrebbe dare molte speranze per il concepimento.
Il primo trapianto di utero negli Stati Uniti ha visto come “beneficiaria” una donna di 26 anni che ora si trova in condizioni stabili e spera di poter avere presto un bambino. Per le donne che abbiano subito questo tipo di intervento, comunque, la strada non è completamente in discesa. Infatti, anche per il concepimento sarà necessario essere assistiti ed eseguire una fecondazione in vitro, in modo da ridurre i rischi per la madre e per il bambino.

Stefania D'Ammicco Giornalista, scrittrice ed insegnante di yoga. Ama gli animali, canta in una rock band e cerca di imparare e scoprire cose nuove ogni giorno, sempre col sorriso sulle labbra.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *