0

Romina Power cerca ancora Ylenia

0
0


E’ un’artista famosa, bella, solare, amata dal pubblico, ma il dramma che porta dentro da anni non l’ha dimenticato e si rinnova ogni volta. Romina Power è madre di quattro figli avuti dal marito Albano Carrisi; una dei quattro risulta scomparsa da anni, anzi nel 2014 il tribunale di Brindisi ne ha decretato la morte presunta. La cantante non accetta questa scomoda ipotesi ed ecco che torna a chiedersi che fine abbia fatto la sua bambina.

 

 

Romina su Twitter cerca Ylenia

 

 

“Dov’è Ylenia? E dove sono le centinaia di ragazze che scompaiono a New Orleans? Perché niente è stato fatto per fermare questo?”. Solo ieri Romina Power pubblicava un post pubblico su Twitter con tanto di foto della figlia Ylenia Carrisi, scomparsa a 24 anni.

In risalto lo sguardo della ragazza bionda dai grandi occhioni azzurri, diventa in foto una richiesta disperata da parte di una madre che non si arrende alla scomoda evidenza dei fatti.

Romina non ha mai accettato le dichiarazioni diffuse sulla figlia. Il marito Al Bano al contrario ha cercato di farsene una ragione, combattendo il silenzio e il dolore con una canzone dedicata alla ragazza e con le interviste in cui il ricordo è diventato un modo per tenere Ylenia stretta a sè.

La Power, al contrario, ogni anno rinnova gli auguri di compleanno alla figlia e, come ogni madre che si rispetti, spera in cuor suo che la sua piccola sia ancora in vita. Sono trascorsi 24 anni dall’ultima telefonata fatta da Ylenia alla famiglia; era il primo gennaio del 1994, quando la ragazza chiamava dal telefono del LeDale Hotel di New Orleans. Da allora il mondo ha perso ogni traccia della bellissima fanciulla di Cellino San Marco.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *