ruth-handler
elliot-ruth-handler-mattel
1c4f321b9b11943dc3c8cdfa013c8574
th
barbie-2
barbie2
1-barbie-ruth-handler_jpeg
##  HAPPY BIRTHDAY BARBIE DOLL
0

Ruth Handler, l’ideatrice di Barbie oggi avrebbe spento 100 candeline

0
0


E’stata l’ideatrice della bambola più famosa al mondo; Ruth Handler, presidente alla Mattel Toy Company degli anni ’50, oggi avrebbe compiuto un secolo di vita. In molti paesi del globo la ricorrenza viene festeggiata. Ruth è stata una businesswoman di successo che reso più bella la vita delle bambine grazie a Barbie.

 

 

Ruth Handler, la mamma di Barbie

 

 

Il nome della bellissima bambola bionda, riprende quello della figlia Barbara. Ruth Handler guardava la sua piccola giocare con bambole di carta, lasciando vivere loro avventure da “grandi”. Le bamboline fittizie erano mamme, mogli, madri, amiche, ballerine.

Da qui la decisione di creare una bambola reale per la figlia e per tutte le bambine del mondo: Barbie, diminutivo di Barbara per l’appunto. Fu così che nel 1959 a New York, fu lanciata la bambola che ancora oggi è in voga.

Ruth sperimentò il successo del giocattolo con una vendita in sordina nel periodo natalizio. Da lì a poco, la Mattel che finanziò la pubblicità del prodotto, fece registrare una vendita di più di 350.000 pezzi.

Ruth è stata una donna ricca di intuizione. Nata a Denver il 4 novembre del 1916, oggi avrebbe compiuto 100 anni se fosse stata ancora in vita. L’esistenza di questa moglie e mamma con la passione per gli affari non fu però facile, nonostante il successo. Ruth, come evidenzia il suo stesso nome, era decima figlia di immigrati ebrei polacchi negli Stati Uniti. Da piccola cominciò a lavorare nella drogheria di famiglia e sposò ancora in giovane età, il compagno di scuola Elliot Handler, che aprì una modesta società di cornici di legno, la ‘Mattel’ (dal nome del socio ‘Matt’ con il suo ‘Elliot’). In questa embrionale attività il marito di Ruth iniziò a produrre anche mobiletti in legno per le bambole dell’epoca e strumenti musicali per bambini, fino a che la moglie non creò Barbie, considerata l’invenzione del secolo.

 

Pina Stendardo Collaboratrice freelance presso diverse testate giornalistiche on line, insegue la cultura come meta cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Amante del cinema e della poesia, nel tempo libero si dedica alla recitazione. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *