Seno grande: come vestirsi?

0
0


Dopo aver parlato dei consigli di moda relativi al seno piccolo è tempo di pensare a cosa succede quando il lato A è più abbondante.  Come risolvere qualche piccolo problema che si presenta ogni volta che bisogna scegliere un vestito?

Innanzitutto occorre fare un paio di premesse.  Il seno prosperoso è stato per secoli simbolo di femminilità, maternità e benessere, ma nonostante il sesso maschile apprezzi parecchio un seno abbondante, non sempre le donne sono dello stesso parere. Questo, non solo può essere causa di imbarazzo, ma anche di veri e propri problemi di salute, soprattutto riguardo la postura. Nessuna donna dovrebbe essere a disagio con il proprio corpo né dovrebbe sentirsi oggetto di derisione o viceversa, preda di sguardi eccessivi, ma quando ciò succede, l’abbigliamento giusto aiuta a sentirsi bene con se stesse e allo stesso tempo essere eleganti e sensuali  senza incorrere nel volgare.

 

Seno Prosperoso: come vestirsi?

 

Partiamo dal vostro alleato principale: il reggiseno. Un seno grande spesso è anche molto pesante, quindi optate per un modello che sia abbastanza contenitivo. Scegliete un modello con ferretto, perché sostiene il seno, lo solleva e non lo schiaccia. Evitate i modelli con una coppa imbottita perché oltre a non averne bisogno darebbero un bruttissimo effetto di seno “strabordante”. Risolto il problema intimo, possiamo finalmente occuparci dell’armadio. Preferite tessuti morbidi, come ad esempio il jersey, che non segnino troppo la figura.

Per  andare a lavoro: scegli un tubino, che segue le linee del corpo fasciando la figura con eleganza. Se hai qualche difettuccio da nascondere, scegli un modello che abbia un drappeggio sui fianchi o sull’addome. Banditi o quasi i modelli a fascia : la spallina – oltre a sostenere – maschera il seno lasciando comunque percepire la forma. Se indossate una camicia bianca, non preoccupatevi di abbottonarla troppo e lasciate pure un paio di bottoni slacciati sul seno. Il must have del prossimo autunno è il pantalone a vita alta, quindi mettete pure la camicia nel pantalone e ricordate di evitare un modello troppo avvitato se avete la pancetta.

Per il tempo libero: pantaloni stretti alla caviglia se avete delle gambe sottili, mentre più morbidi se invece avete il fisico a pera. L’errore che molte donne con il seno grande commettono è quello di “nascondersi” dietro ad enormi maxipull dai colori scurissimi che hanno l’unico effetto di farle sembrare delle palandrane. Scegliete invece un pullover dallo scollo rotondo. Per quanto riguarda i colori al nero preferite un più tenue grigio, un marrone cioccolato o un blu, ma non rinunciate anche a colori più accesi come il bordeaux, il porpora o ad una fantasia, purché non troppo geometrica.

Per la sera o per un’occasione importante: Prediligete abiti con la scollatura a V ( ma non troppo!) che siano con una spallina più o meno larga o, se le braccia non sono il vostro forte, anche a manica corta o tre quarti. Come per il tubino, anche per la sera o per le occasioni importanti il drappeggio è un alleato preziosissimo. Il tessuto perfetto per voi, che abbraccia la figura ( e il seno) con leggerezza è lo chiffon. Se non volete accentuare ancora di più il seno, evitate i modelli taglio impero, preferendo quelli che invece, sono tagliati in vita. Ottime anche le tute intere, ma abbinate una cintura o una catenella in vita per evitare l’effetto “sacco”.  Se siete piccoline e scegliete una tuta intera, slanciate la figura con un tacco importante.

 

In linea di massima, queste sono  delle “regole” base, ma ognuna di voi può divertirsi a sperimentare i modelli ed i tessuti che più la valorizzano, ma ricordate sempre di non nascondere la vostra femminilità  e non abbiate paura di osare!

Martina Mattone Ha più di vent’anni, ma meno di trenta. Laureata in Lettere e specializzanda in filologia moderna è appassionata di moda e bellezza. Intollerante al lattosio e al genere umano (anche se a volte cade in tentazione e coglie il lato romantico delle cose). Crede fermamente nella vita e nel fatto che, come successo a Cenerentola, un paio di scarpe possano cambiartela.

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *